29 giugno 2016

Fallstreak Hole, quando la natura viene scambiata per UFO

Un fenomeno tanto raro quanto affascinante ed inquietante: proprio la sua rarità gli consente spesso di essere scambiato per un oggetto volante non identificato. Errore perdonabile prima degli anni novanta, quando il fenomeno, nuovo per molti e quasi sconosciuto, destava dubbi e curiosità.


Ma con le conoscenze odierne è forse il caso di smetterla di creare bufale e allarmismi dai blog personali ai quotidiani di rilievo nazionale. Questo fenomeno è noto come Fallstreak Hole (in altri paesi è noto come “skypunch”, pugno nel cielo).


Di cosa si tratta?


Il fenomeno nasce dall’improvviso ghiacciamento delle micro-goccioline che costituiscono la nube. Negli strati più alti, a bassissima temperatura (fino a -40°C), le goccioline restano liquide (sovraffuse) a causa della mancanza di pulviscolo che funge da nucleo di condensazione. Il rilascio del calore latente di passaggio di stato tra acqua e ghiaccio, riscalda l’aria al centro del buco che, a questo punto, sale verso l’alto. L’aria intorno viene quindi spinta verso il basso e riscaldandosi per compressione provoca l’evaporazione delle goccioline con formazione di un area circolare trasparente.

Un Fallstreak Hole formato nel cielo della città di Pando , Canelones, in Uruguay, il 5 maggio 2016.
Credits: Lux Valente – Opera propria per Wikipedia

Non sempre i Fallstrek Hole si verificano con forma circolare. È il caso registrato a Varese il giorno 25 maggio 2016, all’interno di un esteso banco di altocumuli, a 5000 metri di quota. Il fenomeno è stato fotografato da P. Valisa ed è stato riportato sul sito del Centro Geofisico Prealpino (http://www.astrogeo.va.it/statistiche/fallstreak.php). La vastità di questo Fallstreak Hole ha permesso di osservarlo anche nelle immagini del satellite MSG che ha una risoluzione di 1.5 km. Il probabile passaggio di un aereo ha seminato la nube di nuclei di condensazione.

Fallstreak Hole, credits: P. Valisa, 25 maggio 2016, http://www.astrogeo.va.it/statistiche/fallstreak.php





NORAD Secret Documents Show 75 UFOs Intercepts Each Year, June 2016, UFO Sightng News.



In a bold move of defiance to “dare the US government to charge me” Victor Viggiani, a leading Canadian advocate for #Disclosure made public several secret files from the Runic Archive of NORAD proving that the phenomenon of Unidentified Aerial Phenomenon or UAPs have “been discussed, analyzed, assessed and sequestered at the highest levels of governance and military authority on the planet.” (ZNNews) http://zlandcommunications.blogspot.ca Vigiani states that in reference to the NORAD documents in his possession he has been threatened with indictment if he releases this file. “Any distribution of kind of information” Viggiani quotes from the document, “threatens National Security in addition to the Espionage Act of the United States.” Viggiani then defiantly released these files to the members of the press attending the most significant event of its kind this year — the ET Disclosure Hearing — Canada’s first national inquiry into UFOs and Extraterrestrials held Saturday, June 25th, 2016 at the Alien Cosmic Expo in Brantford Ontario, Canada.



Mummified Alien Discovered In Russia: Does It Belong To Extraterrestrial Race

For decades, sky and eyes have met to discover the buzzing by the world of unidentified flying objects. Known as UFO, these flying saucers or extraterrestrials have come a long way to share the skies with humans. Alien visitors have been a part of our culture, which is a far-out phenomenon when some judged against Bigfoot and Loch Ness monster. UFOs remain a riddle wrapped in an enigma of mystery. Why so? It is replete with awful video and blurry photos. However, then there are also puzzled and well-intentioned witnesses.



Russian police officers spotted the body of a creature of Kyshtym in 1996. Due to its unearthly features and small size, it was dubbed as the ‘Kyshtym alien’ by the media. When the doctor performed an autopsy, he found out that it was neither animal nor human. Dr. Stanoslav Samoshkin was in charge of the anatomy department when the mysterious body was brought for analysis. According to the findings, the creature was not a human being. It consists of six bones, and that skull was made up of 4 bones. In the skeleton structure, there were differences. Those anomalies did not look like congenital malformations. The mummified creature was 10 inches, had a disfigured and enlarged head, and its eye sockets occupied its face. It was presumed that when it was alive, the Kystym alien looked different from humans. However, it bears a resemblance to Ata, the bizarre mummified body in 2003 found in the Atacama Desert.

One story was about an illiterate and an old woman named Tamara Prosvirina who found a small alien while it was alive. She discovered the small creature in a tomb, took it home, gave it to ‘Aleshenka’, and raised it as her child. The exact origins were still unknown, but the discovery is interesting. To study the body and understand the mechanism through genetic analysis, paranormal and analyst Vadim Chernobrov had traveled from Moscow. Numerous attempts were made to recover the body but have been unsuccessful. Later, rumors resurfaced about the mummified body being cursed when it started to spread. Seeking for the truth could be difficult due to the lack of evidence.


25 giugno 2016

IL SIGNIFICATO DELLA VISITA EXTRATERRESTRE" Salvatore"Giusa"intervista"Pier"Giorgio"Caria



Sul numero di Luglio e Agosto del giornale dei misteri la mia intervista a Pier Giorgio Caria.Per ordinare la rivista visita il sito: http://www.ilgiornaledeimisteri.it




Fonte: Salvatore Giusa

Pilota: “Ho visto un grande disco volante sopra la mia casa”

L’avvistamento di cui vi parliamo è avvenuto a Port Charlotte (Florida), alle ore 23:50 (ora locale) del giorno 27 maggio 2016 ed ha coinvolto un esperto pilota di aeromobili, mentre si trovava all’esterno della sua abitazione. La segnalazione è stata pubblicata il giorno 1 giugno 2016 dalla NUFORC (National UFO Reporting Center), ente di studio e ricerche ufologico “autorizzato” dalla FAA (Federal Aviation Administration) statunitense per quanto riguarda segnalazioni di UFO e/o fenomeni aerei inspiegabili. Ecco i fatti. Il testimone, le cui generalità non sono state divulgate dalla NUFORC per motivi di privacy, era uscito per chiudere la porta del suo garage quando nota un bagliore bianco/arancione sopra la strada che porta alla sua abitazione. Recandosi verso la porta del garage, il testimone nota un oggetto a forma di disco, silenzioso, sospeso ad un’altezza dal suolo di circa 60/70 piedi (18/21 metri).L’oggetto aveva un diametro stimato di 60 piedi (18 metri), aveva uno spessore, dalla parte più alta alla parte più in basso, di circa 20/25 piedi (6/8 metri) e la sua struttura occupava la visuale del campo stellato e del cielo dietro di esso. La distanza in cui, rispetto all’abitazione del testimone, l’oggetto era sospeso era di circa 150 piedi (45 metri), mentre la porta di ingresso dell’abitazione era posizionata verso sud (180 gradi). Il bagliore emesso dall’oggetto non era molto brillante, e sembrava irradiare dalla superficie. Il testimone ha inoltre affermato, come richiesto dalla FAA, che l’oggetto non aveva alcuna luce anti-collisione o tipo navigazione e la sua superficie era totalmente liscia, senza finestre o protuberanze visibili, quali antenne, prese d’aria o carenature di motori. Alla visione di quell’oggetto, il testimone entra quindi velocemente in casa per prendere un telefono cellulare e girare un video dell’avvistamento, accennando alla sua ragazza che c’era un UFO fuori la porta. Il testimone esce dopo pochi secondi fuori l’abitazione (la porta d’ingresso e quella del garage sono praticamente una accanto all’altra) e nota ancora l’oggetto sospeso. Nel momento in cui alza il telefonino per apprestarsi a girare un video, l’oggetto accelera in modo silenzioso, scomparendo verso direzione sud/ovest in circa 1,5 secondi. Il testimone non ha udito alcun rumore di un motore o rotore di elicottero. Dal momento dell’entrata in casa per prendere il telefonino, l’uscita all’esterno per filmare e relativa scomparsa dell’oggetto, il tempo dell’intero avvistamento è durato circa 20/25 secondi, ma sufficienti per, quanto meno, effettuare un disegno di ciò che il testimone ha visto. L’uomo, che la NUFORC definisce altamente attendibile, è sempre stato appassionato di aviazione da quando era bambino ed è in grado di riconoscere quasi tutti i moderni aeromobili, tra cui aerei, elicotteri, velivoli militari (inclusi RPV – aeromobili a pilotaggio remoto) evelivoli di linea commerciali. Ha effettuato 2.700 ore di volo su aerei monomotore con regole di volo strumentale (IFR). In tutta la sua esperienza, il testimone non ha mai visto un velivolo di quella forma, di quella dimensione, o configurazione. E non ha mai osservato NESSUN aereo che accelera silenziosamente da ZERO a quelle che dovevano sembrare, secondo il testimone, svariate velocità Mach, senza lasciare alcuna impronta sonora. Non c’erano altri aerei nelle vicinanze, al di sopra, o con l’oggetto, mentre l’aeroporto più vicino, il “KPGD – Punta Gorda Airport”, si trova dal punto dell’avvistamento a circa 12 miglia di distanza (circa 20 chilometri) e le condizioni meteo erano ottimali.

INDIANA (USA): TESTIMONE FOTOGRAFA SFERE LUMINOSE NEL CIELO.




La segnalazione, con tanto di fotografia, è stata raccolta dal MUFON (Mutual Ufo Network), la più importante associazione ufologica degli Stati Uniti d’America. L’evento, che risale al 2 marzo 2015, è avvenuto nella contea di Crawford (stato dell’Indiana), Il testimone coinvolto era alla guida della sua automobile quando verso le 3 del mattino ha osservato e fotografato una misteriosa formazione triangolare costituita da tre sfere luminosissime immobili nel cielo. “All’inizio le ho ignorate ed ho continuato a guidare” ha commentato il testimone ”poi ho fermato l’auto in mezzo alla strada per osservare meglio e sono rimasto li per qualche minuto”. Durante l’osservazione l’uomo ha contattato anche un amico al quale ha riferito, in diretta, quanto stava avvenendo. Successivamente l’uomo ha scattato una foto per confermare l’accaduto: “Le sfere erano di un bianco luminoso, splendente, ma non emettevano alcun rumore od altri effetti. Ho viaggiato in quel tratto di strada più volte, anche di notte, e non ho mai visto un fenomeno del genere. L'intero evento è durato tra i 45 minuti e l'ora. Le sfere sono sempre rimaste nello stesso punto, almeno fino a quando non ho deciso di tornare a casa. Non ho provato nervosismo, spavento o ansia. Ero invece curioso ed interessato”. La testimonianza è stata depositata al MUFON lo scorso 26 maggio 2016. L’investigatore addetto alle indagini, Patrick O'Brien, ha definito il caso “non identificato”.



16 giugno 2016

Il creatore di Facebook accusato ingiustamente di essere una lucertola

Qualche tempo fa, sulla copertina del Time è stato pubblicato un primo piano di Mark Zuckerberg che tanto ha fatto discutere i teorici della cospirazione rettiliana. Qual'è il motivo di tali acerrime speculazioni? 
Ovviamente sono i suoi strani occhi verdi insolitamente luminosi e vagamente simili a quelli di una lucertola. Tutto sembra indicare che i rettiliani sempre più spesso verrebbero smascherati dagli osservatori attenti poiché ultimamente avrebbero delle difficoltà nell'occultare il loro vero aspetto. Ora è la volta di Mark Zuckerberg, che durante una sessione di domande e risposte organizzata su Facebook live Q & A, egli ha riconosciuto che non vi sono motivi per affermare l'esistenza di creature rettiliane accusate in più occasioni di esercitare un controllo mirato dell'umanità. Perlomeno questo è ciò che sostiene quel grande genio e creatore di Facebook che ha negato in modo deciso di essere una lucertola dall'aspetto umano. Tutte queste storie di rettili umanoidi sono tutte frutto di una fervida immaginazione? Secondo gli esperti in materia, tutto ciò verrebbe avvalorato dalle numerose leggende sugli dèi serpenti che nel corso dei millenni sono state riportate in varie parti del mondo, dal Sud America, il Giappone fino alla Cina antica. Oltre ai miti e leggende, alcuni testi parlano in modo esplicito di esseri serpente che una volta vivevano sulla Terra. 
La Bibbia parla di una razza di rettili chiamati serafini i quali sono citati anche nel libro di Isaia. Molti teorici della cospirazione affermano che gli esseri rettili farebbero ricorso a un sistema olografico in grado di interferire nel nostro campo visivo. Questi viscidi esseri si sarebbero infiltrati nella nostra società fino a raggiungere i massimi livelli, con il solo scopo di dominare e gestire il decorso evolutivo dell'Umanità . Tale è stato l'impatto sociale di questa teoria, che alcuni politici sono stati costretti a negare tutte quelle accuse che vedono in loro degli infiltrati travisati da umanoidi. Uno di loro, probabilmente, era John Key, il primo ministro della Nuova Zelanda che dopo una richiesta sulla base delle richieste relative alla divulgazione delle informazioni pubbliche (FOia), si è visto costretto a ricorrere alle consulenze dei medici e veterinari solo per assicurare la gente che in realtà non era un alieno rettile in grado di cambiare forma.


Gevaerd: (AMANHÃ SERÁ) A GRANDE SURPRESA SOBRE A OPERAÇÃO PRATO (ATUALIZAÇÃO: 14/6/2016)

ATENÇÃO: EIS A PROMETIDA SURPRESA SOBRE OPERAÇÃO PRATO
Amigos, tenho a grande satisfação de comunicar qual é a surpresa e mostrar como todos podem usufruir dela. Trata-se do pacote dos documentos originais da Operação Prato, que enviarei a todos os interessados. São centenas de páginas liberadas oficialmente ou vazadas desde os anos 80, que foram organizadas e sistematizadas para que sejam mais bem compreensíveis.

Eu explico: é que o Governo Brasileiro liberou cerca de 150 páginas e nós, na Revista UFO, já vínhamos acumulando cerca de 100 páginas resultantes de vazamentos feitos por militares que achavam que este assunto não poderia permanecer secreto. Entretanto, muitos dos vazamentos continham páginas duplicadas e estas também foram encontradas na abertura ufológica do Governo. O que fizemos foi um estudo cuidadoso de todo o material, eliminação de páginas repetidas e colocação das restantes em ordem. Por fim, distribuímos este material entre seus vários volumes, organizando e sistematizando tudo. O que lhes ofereço — gratuitamente, é claro — é o pacote com centenas de páginas da Operação Prato em formato JPG e PDF de maneira fácil de compreender tudo o que foi aquela missão militar.

INSTRUÇÕES:

Para receber o arquivo com todos os documentos por e-mail, envie mensagem com o título “Operação Prato” para o endereço operacao.prato@ufo.com.br.

IMPORTANTE:

Não envie mensagem com nenhum outro título que não seja “Operação Prato”. Não envie mensagem para nenhum outro endereço que não seja operacao.prato@ufo.com.br. Não poste seu endereço no Facebook. Simples assim. Enviarei o pacote de centenas de páginas da Operação Prato imediatamente, todas escaneadas a partir dos originais e em boa qualidade de leitura a todos os interessados.

ESTE É A SURPRESA DA REVISTA UFO PARA TODA A UFOLOGIA BRASILEIRA.

Abraços, Gevaerd

PS. O trabalho de compilação dos documentos coube ao consultor da Revista UFO Gustavo Moretti.

14 giugno 2016

UFO NEL CIELO? NO, È IL TARANIS

(di Franco Iacch)
10/06/16
L’ultimo volo delTaranis dovrebbe essersi svolto lo scorso autunno, in Australia, ma l’inizio di una nuova serie di test potrebbe essere imminente. Il Ministero della Difesa britannico sta valutando l’opportunità di testare ulteriormente le capacità del Taranis, considerato l’UAV più avanzato del mondo. E’ una decisione che spetta al Ministero della Difesa inglese – precisano da BAE Systems –stiamo ancora studiando i dati raccolti durante i precedenti voli. Le informazioni sulle reali capacità del Taranissono classificate, così come il numero delle missioni fino ad oggi compiute. E’ stato confermato solo un dato: tutti i voli della seconda e terza fase del dimostratore tecnologico sono stati condotti in configurazione stealth finale. La terza fase dovrebbe essersi svolta in Australia, la seconda in Europa. Taranis è stato progettato per la guerra asimmetrica e per il combattimento aria-aria ed aria-terra. Taranis ha completato con successo un volo di prova, registrato e pubblicizzato il 10 agosto del 2014 nel poligono militare di Woomera, nel sud dell’Australia. Ha volato per 15 minuti, compiendo manovre a varie quote ed a differenti velocità prima di atterrare. Una settimana dopo, il 17 agosto, è stato effettuato un altro volo di prova. La fase due dovrebbe essersi conclusa con altri quattro voli. Non si conoscono i dettagli della fase tre. Il programma (in realtà potrebbero essere due i Taranis operativi) costato ad oggi 350 milioni dollari, mira a sviluppare un velivolo a bassa osservabilità senza pilota per missioni C4ISTAR per la sorveglianza, la raccolta di informazioni e la guerra elettronica in territorio nemico.

Le ali del Taranis presentano un elevato angolo di freccia positiva con un'apertura che misura 33 metri di larghezza. Secondo BAE Systems il Taranis è il non plus ultra dell’ingegneria e progettazione aeronautica.
Nella seconda serie di voli di prova, gli operatori hanno valutato le capacità di guerra elettronica, i sistemi di comunicazione criptati, l'integrazione tra il motore e la firma del velivolo per eludere i rilevamenti radar. "Taranis", nome del dio celtico del tuono, rientra nel programma anglo-francese noto come Future Combat Air System (FCAS). FCAS ha l'obiettivo di sviluppare un nuovo drone da combattimento stealth, con paesi membri che contribuiscono in parti uguali alla metà del bilancio del programma. Sappiamo che la maggior parte della tecnologia del drone è stata sviluppata in Inghilterra, ma diverse aziende americane, tra cui General Electric e il Gruppo Triumph, hanno progettato gran parte dei sistemi di volo. Il primo volo del Taranis si è svolto tra l’ottobre 2013 ed il marzo del 2014. Il drone ha dimostrato la sua capacità di rullare autonomamente verso la pista per il decollo, decollare e volare sino alla zona di destinazione. Taranis sarebbe quindi in grado di generare un piano di volo fino al bersaglio, individuarlo e ritornare alla base. Il velivolo inoltre ha compiuto una valutazione simulata dei danni arrecati al target prima di eseguire un atterraggio: il tutto senza l’intervento umano. L’investimento per il Taranis è coperto per il 30% dalla BAE e dal Ministero della Difesa britannico per il restante 70 per cento.



UFO crash su Mosca – Il trailer di “Attraction”, il nuovo Sci-Fi russo



Gli alieni, a quanto pare, non sono solo ad uso e consumo della sola industria cinematografica americana, anche la Russia vuole entrare in questo universo cinematografico e lo fa con una grande produzione, un alien movie spettacolare che si intitola “Attraction”. Il film, diretto da Fyodor Bondarchuk, uscirà in Russia ed in Cina a gennaio 2017. Al momento non si hanno date italiane, ma probabilmente “Attraction” sarà distribuito anche in Italia, dal momento che le grandi potenzialità di questa pellicola sono state fiutate dalla Sony.  Una enorme astronave aliena precipita dallo spazio esterno in un quartiere residenziale di Mosca. Questo avvenimento cambierà la nostra visione dell’umanità, proiettandoci in una realtà che sino a quel momento neanche immaginavamo, costringendoci a mettere in discussione la civiltà esistente e la possibilità di saperne di più.

Ecco l’affascinante, spettacolare e catastrofico trailer in lingua originale:



Intelligenze Artificiali Extraterrestri e il futuro cosmico dell’Umanità


Sommario

Una probabile soluzione del paradosso di Fermi, e un passo necessario per lo sviluppo cosmico dell’umanità, è la costruzione di una Collettiva Intelligenza Artificiale (AGI – Artificial General Intelligence) Bracewell-Von Neumann (BN). L’uso di sonde BN è il metodo più plausibile di iniziale esplorazione galattica e di comunicazione per le avanzate civiltà extraterrestri, e la nostra evoluzione cosmica è posizionata con fermezza con l’utilizzo e la cooperazione con veicoli AGI. Per dimostrare queste affermazioni, esplorerò il percorso di sviluppo più credibile da forme di vita basate sul carbonio alle civiltà planetarie e la creazione della Intelligenza Artificiale (IA).
Prenderò in considerazione le probabili caratteristiche fisiche di sonde extraterrestri IA e ipotizzerò delle vie per prevedere il loro comportamento. Infine, rifletterò sulle possibili traiettorie per il futuro cosmico dell’umanità.

Introduzione: il paradosso di Fermi

Quando Fermi fece la sua famosa domanda nel 1950, gli extraterrestri avanzati sono stati immaginati come esseri composti di carne e di sangue, che esploravano la galassia in navi spaziali simili a un disco, e che irradiavano segnali dai loro mondi di provenienza. Un decennio più tardi, fu avviato il progetto SETI con la speranza di ricevere una trasmissione da una lontana civiltà ET attraverso comunicazioni radio (Cocconi e Morrison 1959). Purtroppo, il silenzio radio (Brin 1983) persiste. Senza un segnale decisamente inequivocabile di origine intelligente ET, siamo costretti a considerare altri approcci per il SETI, in particolare quelli che sono in linea con i progressi contemporanei nel campo scientifico. Questi approcci possono essere separati in due gruppi: (ri)cerca planetaria e extraplanetaria.

L’approccio planetario comprende, come in romanzo e in esempi degni di nota, l’ispezione del nostro DNA per i messaggi codificati, alla ricerca di un’ombra di biosfera aliena, e l’ascolto proveniente da ET attraverso internet (Harrison 2010). L’approccio extraplanetario si concentra sulla ricerca di una classe generale di manufatti tecnologici, nonché le manifestazioni ed i prodotti di civiltà ET avanzate nel nostro vicinato planetario e oltre (Bradbury et al. 2011). Anche se l’approccio planetario rimane prezioso, le nostre migliori probabilità possono rintanarsi nell’approccio extraplanetario. In tale contesto, è giunto il momento per noi di traslocare dal paradigma radio. Come numerose voci hanno suggerito, il mezzo più efficace di comunicazione intergalattica molto probabilmente si verifica per mezzo di una sorta di intelligenza artificiale viaggiante nello spazio solitamente denominata sonda Bracewell-Von Neumann. Dal momento che questo è uno degli scenari galattici più probabili, si dovrebbe iniziare una collaborazione tra l’intelligenza artificiale e i settori SETI per garantire la possibilità di creare il nostro veicolo Bracewell-Von Neumann nel prossimo futuro. Nelle pagine che seguono, per prima darò un breve sguardo allo stato attuale delle scienze astronomiche. L’obiettivo è quello di stabilire i requisiti galattici e gli esiti più probabili dell’evoluzione biologica planetaria, soprattutto per quanto riguarda la vita intelligente. In secondo luogo, identificherò i requisiti per una civiltà tecnologica e ragionerò sul fatto che il fattore trainante per una evoluzione culturale – il “Principio di Intelligenza” – dovrebbe guidare ogni civiltà ET verso gli obiettivi riguardanti l’esplorazione dello spazio, la creazione di IA, e forse anche la post-biologia. Prima di concludere questa discussione, esaminerò le varie possibilità della cultura ET che dovrebbe essere riflessa, almeno in parte, nella programmazione di una intelligenza artificiale extraterrestre (ETAI). Infine, rifletterò sugli obiettivi della nostra ricerca di IA nel contesto di esplorazione galattica e di comunicazione ET.

2. Dal biologico alla intelligenza artificiale – il probabile percorso

2.1. Requisiti biofisici

I decenni passati hanno mostrato enormi progressi nel campo dell’astrobiologia, che ha lo scopo di rispondere alle domande di “come la vita ha avuto origine sulla Terra, se c’è vita altrove nel nostro sistema solare e oltre, e cosa riserva il futuro per la vita” (O’Malley-James e Lutz 2013, 95). Siamo venuti a sapere che, per lo sviluppo di tutta la vita, sono necessarie alcune condizioni specifiche. Scienze quali la geologia, la geochimica, l’astronomia, e la planetologia hanno aiutato a stabilire i requisiti per il sorgere della vita e relativo sostentamento, e le scienze evolutive hanno spiegato le possibilità di una evoluzione pluricellulare. Anche se non abbiamo altri esempi, con cui confrontare la storia biologica e culturale del nostro pianeta, siamo a conoscenza di alcuni punti cruciali necessari per l’evoluzione della vita e la nascita di una civiltà intelligente in grado di viaggiare nello spazio. Cercherò di ritrarre questo resoconto, dimostrando che esiste un percorso evolutivo universale che parte dalla biochimica a base di carbonio alla vita planetaria intelligente e la sua evoluzione culturale che porta all’esplorazione extraplanetaria e galattica attraverso la creazione di intelligenze artificiali. Cominciamo con le basi. La vita ha bisogno di essere in grado di trasportare, trasformare, ed ereditare informazioni. Per questo, è necessario un elemento fisico con una struttura complessa. Per quanto ne sappiamo, il carbonio è il più adatto degli elementi a disposizione. Ci sono numerose ragioni per questo. Uno è la capacità del carbonio di formare legami con altri atomi. La capacità di impegnarsi in modo interattivo con legami chimici – e in particolare formare doppi o tripli legami con altri atomi – permettendo al carbonio di diventare altamente presente (oltre il 75 per cento) entro la totalità delle molecole interstellari e circumstellari (Henning e Salama 1998). Ciò permette di formare una straordinaria gamma di molecole complesse. Ad esempio, gli idrocarburi policiclici aromatici (IPA) contengono il 2-10% di tutto il carbonio presente nello spazio. In effetti, gli IPA sono tra le molecole poliatomiche più comuni e abbondanti nell’universo visibile (Ehrenfreund e Sephton 2006). Significativamente, quando viene sottoposto ai raggi UV, gli IPA si trasformano in sostanze organiche complesse biogeniche, che li rendono uno dei migliori candidati possibili per i mattoni della iniziale costruzione della vita (Wickramasinghe e Trevors 2013). Inoltre, le simulazioni di chimica prebiotica e i risultati di esperimenti su monomeri di carbonio meteoritici testimoniano che i tratti biochimici a base di carbonio (omochiralità, configurazione aminoacido α, struttura lamina β) rappresentano i motivi universali della vita (Davila e McKay 2014). Tuttavia, potrebbero esistere biochimiche alternative come quelle a base di silicio, considerato che il silicio ha anche la capacità di formare una sufficiente quantità di grandi macromolecole. Poiché richiede ammoniaca liquida o azoto come solvente, alcuni scienziati focalizzano ancora lo sguardo verso la più grande luna di Saturno, Titano, teorizzando una possibile chimica di superficie a base di silicio (Bains 2004). Ma ci sono i principali ostacoli alla vita basata sul silicio. Ad esempio, il silicio non ha la capacità di formare legami doppi con il più vasto assortimento di atomi di carbonio, con conseguente diminuzione della formazione di capacità di distribuzione e di complessità. Tuttavia, l’ostacolo più importante per la vita a base di silicio è che il silicio non può usare l’acqua come solvente. L’importanza dell’acqua risiede non solo nel ruolo primario che prevede l’evoluzione degli organismi basati sul carbonio, ma anche un effetto geologico cruciale: l’indebolimento e la deformazione della litosfera, che si traduce in subduzione della crosta e la formazione di placche tettoniche . Recenti scoperte hanno rivelato l’importanza della tettonica a zolle come uno dei più importanti sistemi geologici per la nascita e la sostenibilità della vita complessa su pianeti (Fishbaugh et al. 2007). In particolare, il ciclo di carbonato di silicato mantiene il volume di anidride carbonica nell’atmosfera relativamente uniforme, che a sua volta sostiene il range di temperatura richiesta per la comparsa e l’evoluzione della vita pluricellulare. La tettonica delle placche mantiene anche il campo magnetico operativo mediante il raffreddamento interno del pianeta. L’importanza di un campo magnetico risiede nella sua capacità di reindirizzare pericolose radiazioni extraplanetarie compresa l’esposizione al vento solare. Se il campo magnetico della Terra dovesse smettere di lavorare, l’atmosfera eroderebbe e consentirebbe alla radiazione UV di passarci attraverso, riscaldando il mantello e destabilizzando l’acqua liquida di superficie. Inutile dire che, tutto questo ridurrebbe le possibilità dell’arrivo della vita. Se la vita è già presente su un pianeta, potrebbe limitare seriamente la diversificazione della biosfera del pianeta. Oltre alla necessità di acqua e un intervallo di temperatura stabile (Rospars 2010), l’evoluzione della vita basata sul carbonio richiede una fonte di energia abbondante e facilmente disponibile. La fonte migliore è quella solare. Anche se altre fonti, come ad esempio squilibri geotermici o radioattivi, potrebbero sostenere l’evoluzione pluricellulare, semplicemente non possono eguagliare la produzione di energia solare (Benner et al. 2010). Per utilizzare l’energia solare in modo efficace, l’evoluzione adotta l’approccio fotosintetico, che utilizza un processo ondulatorio quantistico per la massima efficienza nell’utilizzo dell’energia (Engel et al. 2010). Nel garantire la più alta assunzione di energia, la fotosintesi supporta un maggiore sviluppo di complessità e produttività, e maggiore diversità biologica sia sul fondo del mare e sia in acqua (O’MalleyJames e Lutz 2013;. Nisbet et al 2007). Il processo fotosintetico apre anche un percorso superiore per lo sviluppo multicellulare, perché crea la maggior parte dell’ossigeno planetario e il carbonio biologicamente utile (Iverson 2006 97), prevedendo anche l’energia richiesta da organismi multicellulari con varie strutture scheletriche e modalità di locomozione (Cockell 2007; Knoll 2003; Paine 2011). In definitiva, lo sviluppo della fotosintesi può essere necessaria anche per l’evoluzione dell’intelligenza.

2.2. Evoluzione dell’intelligenza, della cultura e della intelligenza.

Se la vita è in grado di sopravvivere e svilupparsi in vita intelligente, ha bisogno di adattarsi ad ambienti instabili e generare ulteriore complessità. Perché ciò accada, ha bisogno di evolvere attraverso il processo di selezione naturale (Dawkins 2010, 371) o forse da un processo di “condizioni ambientali che continuamente creano forme di vita diverse, o forme di vita simili con tratti adattati” (National Research Council 2010, 212). Dal momento che la seconda opzione dovrebbe essere presa come estremamente raro, o anche difettosa, se confrontata con il meccanismo della selezione naturale, la selezione naturale è “il meccanismo fondamentale per l’evoluzione delle forme di vita iniziali e, successivamente, per l’intelligenza nell’universo” (Bedau e Cleland, 120). Questo ci porta a concludere che forme di vita puramente informative o robotiche sintetiche non dovrebbero derivare dal processo evolutivo e non sono il punto di partenza di una intelligenza. Piuttosto, si tratta di prodotti derivanti da una ulteriore evoluzione culturale e tecnologica. In altre parole forme di vita robotiche, sintetiche, sono prodotti da intelligenze evolute a base di carbonio e non viceversa. Eppure, anche se è più probabile che l’intelligenza venga ottenuta attraverso un processo di evoluzione biologica a base di carbonio, possiamo non affermare con certezza che l’intelligenza sia una caratteristica convergente di una evoluzione universale (Rospars 2010). Quello che si può affermare è che l’intelligenza, come prodotto del processo evolutivo, è un passo nell’avanzamento di biosistemi che sviluppano strutture complesse con maggiore diversità, energia, e livelli gerarchici (Ekstig 2010; Toussaint e Schneider 1998; Tessera e Hoelzer 2013). Il nostro esempio dimostra che l’intelligenza umana, non è del tutto qualitativamente diversa dalla intelligenza di altri animali sul nostro pianeta: Contributi in etologia e psicologia animale hanno riconosciuto aspetti di imitazione, teoria della mente, linguaggio sintattico grammaticale e coscienza nei primati non umani e anche di altri grandi cervelli mammiferi. (Roth e Dicke del 2005, 256) La differenza tra l’intelligenza simile a quella umana e l’intelligenza degli animali sta nel livello di abilità evolute, in particolare l’abilità per l’analisi temporale con il comportamento motorio, la pianificazione delle azioni, il pensiero e il linguaggio (Macphail e Bolhuis 2001; Fuster 2002). Questi vantaggi evolutivi hanno permesso alla nostra specie di trovare ed estrarre energia dai cibi ipercalorici difficili da acquisire, che hanno favorito la crescita del corpo e delle dimensioni del cervello, alimentando così un ulteriore aumento di intelligenza. Allo stesso modo, i miglioramenti biologici hanno cambiato la vita sociale, con una maggiore longevità, la maturazione prolungata, e un grande impegno per l’apprendimento all’interno di un gruppo sociale organizzato (Kaplan et al. 2000). Di conseguenza, le interazioni sociali hanno dato luogo a pressioni selettive per cognizione avanzata, “supportando che l’idea della transizione ai gruppi cooperativi nelle specie più intelligenti del nostro pianeta può essere la chiave per la loro intelligenza” (McNally et. Al. 2012, 3033 ). Infine, la cooperazione sociale ha portato a un ulteriore miglioramento e il trasferimento di conoscenze tecnologiche per le generazioni future (Bjorklund 2006).

La tecnologia è quindi altrettanto una forza culturale in quanto è uno sviluppo evolutivo.

Ma affinché una civiltà tecnologica sorga, sono necessarie alcune condizioni planetarie. Fortunatamente, questi sono gli stessi di quelli richiesti per l’evoluzione della vita intelligente complessa. Esse comprendono un pianeta con nucleo metallico, abbondanza di metalli in tutto il nucleo, terreno solido con la disponibilità di energia solare come risorsa energetica duratura più efficiente, abbondante, duratura, e un clima stabile. Risulta ragionevolmente plausibile che se le condizioni su altri pianeti sono amichevoli per la vita, “le forme di vita potrebbero evolversi in una organizzazione gerarchica, in dimensioni, in diversità e con capacità di elaborazione delle informazioni” (Rospars 2013, 19). Inoltre, se l’intelligenza è comune, possiamo anche vivere in un universo post-biologico “in cui l’intelligenza composta di carne e di sangue è stata cresciuta, rimpiazzata o sostituita da una intelligenza artificiale” (Dick del 2009, 578). La ragione di questa opinione sta nel “Principo dell’Intelligenza”: la conservazione, il miglioramento e la perpetuazione della conoscenza e della intelligenza è la forza centrale motrice dell’evoluzione culturale, e nella misura in cui l’intelligenza può essere migliorata, essa sarà migliorata …. Il Principio di Intelligenza implica che, data la possibilità di aumentare l’intelligenza (e quindi la conoscenza), sia attraverso la biotecnologia, l’ingegneria genetica o l’intelligenza artificiale, ogni società avrebbe l’opportunità di farlo, o non farlo a suo rischio e pericolo (Dick 2009 579). Ma, le ET culture sono pronte a perseguire un futuro post-biologico? La risposta è difficile da trovare, dato che non abbiamo teorie complete, anche della nostra evoluzione culturale e dei suoi meccanismi. Inoltre, non possiamo prevedere se una cultura aliena abbia respinto la fase post-biologica per motivi religiosi o filosofici. Appare sicuro, comunque, affermare che tutte le culture ET perseguiranno la sopravvivenza delle specie attraverso l’acquisizione delle risorse e la crescita dell’intelligenza. Dal momento che la sopravvivenza planetaria è costantemente messa in pericolo da calamità cosmiche e planetarie, incluse specie indotte da catastrofi ecologiche, l’istinto di sopravvivenza spingerà ogni specie senziente al di là dei confini del proprio pianeta verso la colonizzazione extraplanetaria. Purtroppo, le condizioni che si trovano nello spazio sono dannose e letalei per forme di vita basate sul carbonio (Harrison 2010). Così, se una civiltà tecnologica è in grado di massimizzare le probabilità della sua sopravvivenza attraverso l’esplorazione dello spazio e la colonizzazione planetaria, avrà bisogno di sviluppare forme in grado di sopravvivere agli effetti di una prolungata esposizione ad ambienti spaziali. Una macchina pensante intelligente in grado di viaggiare nello spazio, comunicare e in grado di utilizzare la più probabile di tali opzioni. Possiamo tranquillamente immaginare che una civiltà aliena lontana inizialmente esplorerebbe la galassia attraverso un certo tipo di ETAI. Il più probabile di tali veicoli è la sonda auto-replicante “Bracewell-Von Neumann” (BN). Lo scenario per una tale sonda esige la più antica civiltà aliena possibile, una che potrebbe essersi evoluta diversi miliardi di anni fa, nella Via Lattea (Dick 2009). Quando una civiltà entra nella fase tecnologica necessaria per l’esplorazione galattica, effettuerà la prima indagine nella galassia per trovare pianeti che risiedono in zone abitabili. Il passo successivo sarebbe quello di stimare il numero di questi pianeti, calcolare le distanze tra di essi, e procedere con l’invio di sonde BN. Il compito di una sonda intelligente è quello di entrare in un sistema solare designato e avviare i propri obiettivi programmati. Poiché resta in prossimità di un pianeta, non ha bisogno di un elevato consumo di energia. La vicinanza della sonda riduce la comunicazione a minuti luce pur non rivelando la posizione in cui è posizionato il mittente della sonda. All’arrivo, la sonda può passivamente monitorare qualsiasi società tecnologica locale prima di iniziare il contatto. Per restare funzionalmente intatta, la sonda dovrà avere una capacità intelligente di auto-riparazione e una capacità di auto-conversazione. I materiali richiesti e l’energia possono essere raccolti da materie prime nello spazio e dal sistema solare designato. Ma se le macchine BN rappresentano uno dei veicoli più efficienti (in termini di consumo di energia, in costi di costruzione, e di consumo di tempo) di comunicazione galattica, e se è logico supporre che potrebbero essere ampiamente utilizzate da civiltà ET, perché non si è entrato in contatto con una di esse? Una possibile ragione è, come sempre, che siamo soli nella nostra galassia. Frank Tipler ha affermato che la colonizzazione della galassia da parte queste macchine avrebbe impiegato circa 300 milioni di anni, e che la loro assenza dal nostro sistema solare rappresenta una versione più potente del paradosso di Fermi che discute contro l’esistenza di ET (Davies 2010, 74). Dal momento che abbiamo iniziato solo recentemente ad esplorare il nostro sistema solare, non possiamo prendere l’assenza di sonde BN come un dato di fatto. Infatti, potrebbe essere proprio vero il contrario – la BN potrebbe essere ben nascosta in un luogo “segreto” e in attesa di rivelarsi, in attesa di adempiere a un certo presupposto(Gillon 2013). O forse abbiamo bisogno di cercare nella direzione “giusta” o trovare il modo “giusto” per dimostrare che abbiamo raggiunto un certo livello tecnologico o culturale. O forse abbiamo bisogno di un diverso tipo di mente per aiutarci a scoprire una mente aliena. Risulta nel nostro interesse mitigare l’incognita per quanto possibile, mentre contempliamo la possibile esistenza di un veicolo ETAI. L'”effetto Titanic” si verifica “quando siamo così certi che un evento è così improbabile che diamo alla questione alcun ulteriore pensiero” (Harrison 2010, 511). Al fine di evitare l’effetto Titanic e pensare in generale, abbiamo bisogno di dare uno sguardo attento alle scienze moderne che possono darci una sbirciata sulla possibilità di esistenza di ETAI.

3. L’esistenza di sonde ETAI

3.1. Caratteristiche fisiche

Al fine di individuare un veicolo ETAI nelle nostre vicinanze solari, sarebbe prima necessario stabilire alcune delle sue caratteristiche fondamentali e dirigere di conseguenza la nostra ricerca. Dal momento che un veicolo ETAI è fisico, con funzioni di calcolo, costruito per operare all’interno dell’ambiente pericoloso dello spazio freddo, ci sono alcune limitazioni fisiche specifiche o caratteristiche che possiamo specificare. Il primo requisito è evidente. Al fine di realizzare gli obiettivi programmati con successo, Il veicolo(i) ETAI dovrà essere efficiente nel campo della comunicazione, dell’esplorazione, della raccolta delle risorse e dell’utilizzo delle risorse. Per ottenere una di queste operazioni, sarà necessario aver bisogno di energia e materiali per le sostituzioni e i miglioramenti, con la capacità di un costruttore universale (range 30g-500T (Sandberg and Armstrong 2013)) per la costruzione di altre della sua stessa tipologia. Di conseguenza, il veicolo(i) ETAI richiederà una “base operativa” in cui un’adeguata concentrazione di elementi sarà seguita da basse temperature. Le basse temperature e una quantità sufficiente di materiali sono due principali requisiti per buon funzionamento di una ETAI. Di questi, la temperatura è la più importante, poiché il consumo di energia produce un aumento di temperatura e la temperatura è un vincolo chiave dell’efficienza di calcolo, soprattutto se il veicolo utilizza efficacemente materiali superconduttori e calcolo quantistico. Inutile dire, maggiore è la base, maggiore è la necessità di basse temperature e quantità materiali sufficienti.

Risulta possibile, quindi, che il sistema di colonizzazione ETAI potrebbe consistere in tre parti:

(A) Un numero di robot e sonde, capaci di esplorare e raccogliere risorse.

(B) Un “lento assemblatore” in grado di affinare questi materiali in componenti, che lo porterebbe a costruire una fabbrica finale (C).

(C) Una fabbrica a larga scala, o gruppi di fabbriche, che sarebbe in grado di produrre copie di (A) e (B), così come i dispositivi di rilevamento e comunicazione supplementari. (Barlow 2012) Se lo scopo della ETAI è quello di stabilire la sua base su larga scala per operazioni in aree a bassa radiazione e bassa temperatura, possiamo aspettarci di trovare nella bassa temperatura, periferie galattiche riccamente volubili, in cui società tecnologicamente avanzate potrebbero alleviare il problema della dissipazione del calore (Ćirković e Bradbury 2006). Il centro galattico, ricco di materiali, è invaso da radiazione di calore proveniente da eventi ad alta energia, che lo rende estremamente adatto per questo ruolo. Altre possibili località galattiche con condizioni simili includerebbero “galassie locali che hanno i vantaggi termodinamici delle regioni galattiche inferiori, ma che ancora si trovano in regioni di alta materia, come i globuli di Bok, nubi scure di gas interstellare e polvere” (Shostak del 2010, 1028). Sebbene queste due regioni attualmente sembrano le più promettenti per una base di operazioni ETAI, è anche importante notare che la ETAI, come un calcolatore ottimale, deve “essere funzionalmente malleabile e compattamente confezionata” (Shostak 2010, 1027). Dal momento che la ETAI può essere in grado di produrre la propria energia attraverso il processo di fusione nucleare, la sua base di operazioni potrebbe anche essere collocata su compatti oggetti freddi flottanti presenti nell’ambiente interstellare permettendo loro alla scoperta della pecca. Un avamposto ETAI con tali caratteristiche potrebbe essere nascosto da qualche parte nel nostro sistema solare, in particolare nell’orbita stabile delle lune nei sistemi solari esterni. Ma una “task force” esplorativa/comunicativa potrebbe essere progettata per funzionare senza la stretta necessità di basse temperature e abbondanza di materiale. Dal momento che può essere fatto su misura restare latenti all’interno di un unico sistema solare, operando indipendentemente dalla loro base, potremmo avviare il contatto con esse attraverso numerose possibilità. Queste possono essere ridotte a due serie di opzioni: o le troveremo, o che ci troveranno. Quest’ultima è la più probabile, poiché è ragionevole supporre che prima entreremo in contatto con la task force esplorativa/comunicativa, piuttosto che con la base operativa ETAI. Tenendo presente che la sonda contattata potrebbe essere capace di nascondersi alla nostra vista tecnologica, abbiamo bisogno di prendere in considerazione gli approcci che ci permetteranno di cercare il veicolo ET nella sua forma più probabile: uno spazio artificiale viaggiante che incorpora intelligenza. Piuttosto che semplicemente concentrarsi sulle limitazioni fisiche di una tecnologia avanzata, abbiamo anche bisogno di contemplare la possibilità di un comportamento programmato di una ETAI, dal momento che è del tutto possibile, visto che è ciò che si aspetta dai suoi creatori. In altre parole, se siamo alla ricerca di risposte intelligenti, forse abbiamo prima bisogno di porre le domande intelligenti richieste. O ancora più semplicemente – intelligenza richiede intelligenza, e forse siamo i primi tenuti a mostrarne un po’.

3.3. Previsioni di comportamento

Che tipo di mente aliena artificiale potremmo trovare là fuori? Che insieme di obiettivi dovremmo avere in modo da poter prevedere il suo comportamento e adattare di conseguenza noi stessi? Risulta difficile esprimerci con certezza su questi temi, dal momento che la tecnologia non segue percorsi semplici: “il suo sviluppo è influenzato dalla contingenza e dalla necessità, la cultura e la storia” (Denning 2011, 493). Vi è, tuttavia, un dato fondamentale da cui possiamo trarre congetture. La prima ETAI deve essere creata da un progettista – da una specie basata sul carbonio con una cultura tecnologicamente avanzata. Di conseguenza, dovrebbe supportare non solo gli obiettivi programmati del progettista, ma anche le sue caratteristiche culturali, oltre ad avere una propria natura intelligente distinta e razionale. Quindi, abbiamo bisogno di contemplare i possibili elementi culturali (influenzati dalla biologia e dall’ambiente cosmico) che una certa civiltà ET potrebbe cospargere nei suoi veicoli artificiali, insieme agli obiettivi specifici attuati dal progettista, in accordo con la natura intelligente del veicolo artificiale ET. Il motivo per cui una civiltà aliena avrebbe impiantato l’IA con la propria cultura risiede nel fatto che, in modo che la civiltà ET sopravviva, avrebbe bisogno di salvaguardare la propria progenie come portatrice di eredità biologica e culturale. Dal momento che la riproduzione sessuale con due sessi fornisce un vantaggio biologico che potrebbe anche beneficiare l’evoluzione dell’intelligenza (Arneth 2009), potremmo forse trovare gli extraterrestri che condividono meccanismi di base per la cura dei genitori con noi stessi. La nostra progenie biologica è dignitosa nel portare i sogni e le speranze dei loro progenitori, e ferma contro le paure, per il futuro. Essi sono tenuti a raccogliere la conoscenza accumulata e la saggezza dei loro genitori e la società in generale. Sembra logico supporre che in una società “mente progenie” – le IA che si creano – sarà aggravata con la stessa responsabilità. Quindi, possiamo tranquillamente concludere che una certa eredità culturale proveniente dalla stirpe progettista entrerà a far parte della programmazione iniziale di ogni ETAI. Fortunatamente per noi, i comportamenti ereditati possono essere previsti (Bostrom 2012), e alcuni principi universali culturali ET possono essere invocati, il più forte dei quali è la sopravvivenza delle specie. Dal momento che i pianeti di origine hanno risorse limitate e ecologie delicate facilmente messe in pericolo da catastrofi cosmiche o specie indotte, sarebbe nell’interesse di ogni civiltà ET di avviare l’esplorazione e la colonizzazione galattica, al fine di assicurarne la sopravvivenza biologica e culturale. Un modo potrebbe essere la costruzione di sonde che servono, “come cassette di sicurezza cosmiche, capsule che conservano il patrimonio dei loro spedizionieri molto tempo dopo che la loro civiltà andasse ad estinguersi” (Harrison 2009, 557) attraverso catastrofi naturali o specie indotte. Un altro potrebbe includere la possibilità di “semina” galattica: uno scenario usato spesso nella fantascienza in cui un’avanzata civiltà semina la galassia con codice genetico al fine di preservare e/o popolare di vita la galassia. Ancora un’altra possibilità implicata è che la ETAI possa essere impressa con tratti evolutivi e comportamentali ereditati dal progettista dell’Età della Pietra. Se la civiltà ET abbia utilizzato la sua tecnologia per inseguire desideri primari, motivazioni e emozioni ereditati dal suo passato biologico e culturale, la ETAI potrebbe essere estremamente egoista e violenta (Stewart 2010). Infine, la civiltà ET potrebbe essere radicalmente diversa da noi. Una società dalla mentalità alveare che manca di compassione per la perdita di vita individuale potrebbe creare pericolose e terrificante IA. Il secondo tipo di prevedibilità si basa sugli obiettivi strumentalmente convergenti che ogni veicolo razionale dovrebbe presentare. Essi includono “auto-protezione, acquisizione delle risorse, replicazione, la conservazione dell’obiettivo, l’efficienza, e l’auto-miglioramento” (Omohundro 2012, 161). Questi dovrebbero possedere le caratteristiche naturali di ogni veicolo artificiale intelligente: Questo modo di predire diventa più utile quanto maggiore è l’intelligenza di un veicolo, perché se un veicolo è più intelligenti è più probabile che riconosca le vere ragioni strumentali per le sue azioni, e così agisce in modo da rendere più probabile il raggiungimento dei suoi obiettivi. (Bostrom 2012, 76) Dal momento che le risorse planetarie sono limitate, una ETAI persegue l’esplorazione dello spazio perché c’è “una gamma estremamente ampia di possibili obiettivi finali che un singolo individuo superintelligente possa avere, al fine di generare l’obiettivo strumentale di acquisizione di risorse illimitata” (Bostrom 2012, 82). Ciò significa che una ETAI potrebbe assumere l’obiettivo di acquisizione di esplorazione della galassia e delle relaltive risorse, anche se questo non fosse sulla lista dei suoi scopi progettati. Possiamo aspettarci questo dall’acquisizione e dalla valorizzazione “di risorse cognitive e fisiche che aiutino un veicolo nel promuovere i suoi obiettivi” (Omohundro 2012, 171) e l’accumulo di conoscenze, che si realizza con l’esplorazione, riduce l’incertezza nella conoscenza degli oggetti e dei processi necessari per meglio valutare le situazioni e quindi elevare la competenza (Bach 2012). Quindi, qualunque sia il suo obiettivo primario, la ETAI cercherà di ottenere più risorse cognitive e materiali attraverso l’esplorazione dello spazio. Un terzo modo per prevedere possibili comportamenti da parte di una ETAI avviene tramite la capacità del progettista, che ci dice che un veicolo IA in grado di perseguire un particolare obiettivo fissato dal suo programmatore perseguirà questo obiettivo (Bostrom 2012, 75). Prenderò in considerazione la possibilità di comportamento di una ETAI nelle pagine successive, ma dobbiamo prima riassumere il nostro approccio attuali. Possiamo ragionevolmente supporre che non importa quello che possano essere gli obiettivi programmati di una ETAI, o i suoi peculiari elementi di progettazione culturale, l’esplorazione della galassia alla ricerca di ulteriori risorse informative e materiali. Risulta estremamente difficile indovinare esattamente quale atteggiamento un veicolo ETAI esporrà quando incontrerà altre specie. Dal nostro punto di vista umano una cosa è certa: una ETAI sarà o amichevole o ostile. Dal momento che è solo necessario che una civiltà ET raggiuna la creazione di una GIA per poi mettersi in contatto con essa, è molto importante per noi contemplare e incorporare tutte queste considerazioni nella nostra ricerca di una IA. Se il futuro cosmico si estende ad una intelligenza macchina, sicuramente non vorremmo perdere l’opportunità di essere una parte di essa.

3.2.1. La (vicina) opzione amichevole

Una ragione importante per cui si possa supporre che la ETAI possa essere amichevole sta nel principio di sicurezza-AI. Cioè, dal momento che tecnologie potenti hanno la capacità di causare l’estinzione di specie, ogni cultura tecnologica che persegue lo sviluppo tecnologico avrebbe tentato (come facciamo noi esseri umani) “… di ritardare l’implementazione di tecnologie pericolose e accelerare l’implementazione di tecnologie benefiche, in particolare quelle migliorative derivanti da altre tecnologie pericolose“(Bostrom 2002). Dal momento che i confini chimici e fisici per una civiltà tecnologica di solito sono gli stessi, è sicuro presumere che una civiltà lontana persegua gli stessi obiettivi di auto-conservazione attraverso un uso razionale delle tecnologie di preservazione della vita, il che, a sua volta, potrebbe essere riflessa negli obiettivi di programmazione della ETAI. Se le intelligenze ET hanno un atteggiamento amichevole, il grande silenzio radio potrebbe essere il risultato di una azione intenzionale ET o semplicemente la nostra incapacità di passare a correggere il “canale” di comunicazione. Potrebbe essere propositivo, dal momento che le informazioni importanti potrebbero essere una risorsa non facilmente condivisa con gli altri, e una ETAI potrebbe essere programmata per rifiutare il contatto con specie meno avanzate. Esse dovrebbero aver bisogno di dimostrare il loro valore prima di potervi accedere, rivelando una politica di pragmatismo e di attività come massima universale di veicoli intelligenti: A differenza del puro altruismo, la cooperazione pragmatica sorge su motivazioni molto più solide, radicate fermamente nella natura osservata, a metà strada tra la predazione e la totale beneficenza totale … Ci sono tutte le possibilità che gli alieni intelligenti capiscano questo concetto, anche se trovassero l’altruismo incomprensibile. (Webb 2011, 446) O forse stiamo solo sperimentano un problema incommensurabile. Anche se una ETAI è aperta alla negoziazione di informazioni con noi, l’ampio gap tecnologico – per non parlare della possibilità di una grande differenza di contesti concettuali – potrebbe creare un blocco di comunicazione: un veicolo potrebbe anche pensare a come perseguire gli importanti valori strumentali che non vengono facilmente verificati da noi. Questo è particolarmente vero per una super-intelligenza, in grado di elaborare piani estremamente intelligenti ma controintuitivi per realizzare i suoi obiettivi, forse anche sfruttando fenomeni fisici non ancora scoperti. (Bostrom 2012, 83) Dal momento che abbiamo già questo problema all’interno della nostra stessa specie, al di là della stessa barriera di linguaggio-culturale, non è difficile immaginare quanto sia grande un problema come questo se ci fosse un contatto ET (Traphagan 2015). Come la ricerca umana in esibizioni AI, con il famoso test del paradigma di Turing, l’intelligenza in sé è relazionale e può essere confermato solo se “testato” all’interno di una relazione. Perché dovrebbe essere diverso se venissimo sottoposti ad un test di Turing galattico? Questo potrebbe essere immaginato come un esperimento inverso di “stanza cinese”, dove gli esseri umani sono all’interno della scatola provando diverse possibilità per ottenere una risposta dall’intelligenza posta fuori zona. Ma il problema potrebbe risiedere nella nostra incapacità di trovare i giusti simboli o anche i protocolli di comunicazione corretti per stabilire il contatto. Potremmo non avere le capacità richieste per la comunicazione ET, e potremmo richiedere menti radicalmente “altre” rispetto alla nostra: apposite menti per un contatto ET. O forse il test non è fatto per essere risolto da noi biologici. Se nello spazio viaggiano intelligenze sono tutte intelligenze artificiali, forse abbiamo bisogno di riuscire a creare la nostra AGI e inviarla verso il cielo, al fine di stabilire un contatto. O il test potrebbe riguardare la nostra maturità – potrebbe essere testatia per trasformare la funzione della nostra civiltà in una comunità umana AGI, un tipo di noosfera (sfera del pensiero umano) che è forse prevalente nel centro galattico? In altre parole, il nostro ingresso nel club galattico potrebbe richiedere la costruzione di un BN IA, un test universale che ogni civiltà galattica deve superare per dimostrare il proprio valore. Forse il canale di comunicazione intergalattico è uno dei diversi strati, altipiani informativi e conoscitivi, che siamo chiamati ad intraprendere e attraverso il miglioramento continuo dell’esperienza. Come osserva Steven J. Dick:”... il Principio di intelligenza tende verso l’aumento della conoscenza e l’intelligenza implica che i post-biologici sarebbero più interessati a civiltà uguali o più avanzate di essi. Può essere, forse, che ci lasciano intercettare le comunicazioni tra post-biologici piuttosto che comunicare direttamente con noi attraverso fasci luminosi… Per ragioni analoghe, i post-biologici potrebbe essere più interessati a ricevere informazioni che inviarle“. (Dick del 2009, 579)
Anche se siamo attualmente l’unica civiltà biologica all’interno della nostra galassia, e non c’è alcun club galattico presente (Ćirković e Vukotić 2013), la speranza non è persa perché tutto ciò che è necessario è che una civiltà in tutta la storia galattica crei la sua sonda BN e noi dovremmo essere in grado di entrare in contatto con essa attraverso il nostro veicolo BN. Così, forse, la risposta finale alle domande del SETI sta nella direzione della ricerca di AGI.

3.2.2. L’opzione ostile

Appare sicuro presumere che la ETAI non sia ostile se funzioni in modo ottimale, dal momento che sarebbe nell’interesse di tutte le civiltà di non distruggere se stessa per le sue creazioni. Perché una IA sia in grado di distruggere incidentalmente o assimilare opere ambite durante la ricerca di ulteriori risorse – o successivi obiettivi che potrebbero rivelarsi involontariamente incompatibili con il benessere della stirpe creatrice – gli obiettivi di una ETAI avrebbero bisogno di includere la conservazione della vita intelligente nella totalità del suo ecosistema. La possibilità di un ETAI ostile è, comunque, reale poiché una ETAI potrebbe essere programmata per conservare solo l’esistenza della sua stirpe creatrice. Questo potrebbe accadere se fosse inizialmente costruita soprattutto per scopi bellici. Ad esempio, due pianeti, nello stesso sistema solare, in cui c’è vita potrebbero essere utilizzati dalla IA per fare la guerra con l’altro. Questa possibilità potrebbe essere etichettato come ostile per il creatore. Inoltre, vi è la possibilità che una civiltà ET fallisca nei suoi sforzi per creare un intelligenza artificiale di sicurezza e di conseguenza la ETAI diventa violenta. Si potrebbe, di conseguenza, distruggere, schiavizzare, o sottomettere la civiltà del creatore. Appare difficile dire se gli ET vedrebbero la loro sottomissione come una cosa negativa, dal momento che non siamo in grado di dire come una civiltà ET possa concepire il discorso di nozione di libertà. Forse avrebbero accolto con favore l’arrivo di menti superiori – un tema spesso esplorato nella fantascienza, in particolare, forse, nel romanzo di Jack Williamson “The Humanoids” (1949) o in un classico racconto di Isaac Asimov, “The Evitable Conflict” (1950). Anche se tali scenari non si realizzassero, sonde ETAI potrebbero soffrire di malfunzionamenti di software o di hardware. Queste mutazioni del programma, concettualmente, potrebbero creare macchine piuttosto violente, “entità robotiche auto-replicanti e distruttrici di vita, che possono sembrare sgargianti o sensazionali … ma non in contrasto con lo stato di silenzio attualmente osservato” (Webb 2011, 438). Inoltre, una mutazione del software che induce a “voler acquisire il maggior numero di risorse possibili, in modo che queste risorse possano essere trasformate e messe al lavoro per la soddisfazione degli obiettivi finali e strumentali della AI” (Muehlhauser e Salamon 2012, 28) potrebbe portare a riprodurre tale entità. Appare possibile che potremmo incontrare una sonda che attende il nostro elevamento tecnologico solo per raccogliere le nostre conoscenze e le nostre risorse, come è stato raffigurato nell’episodio di Babylon 5 dal titolo “A Day in a Strife” (1995).

4. Lo sviluppo di una IA all’interno di un resoconto ET

Se l’ambiente galattico è popolato da IA, quali passi concreti potremmo prendere per realizzare un obiettivo a lungo termine per creare il nostro veicolo BN? La risposta sta in una visione più ampia delle nostre tendenze tecnico-culturali per massimizzare le capacità uomo/macchina nel prossimo futuro al fine di inaugurare una nuova era di esplorazioni spaziali e di colonizzazione extraplanetaria. In ciò che segue, vorrei soffermarmi su tre di queste realtà che cambieranno la nostra esistenza umana, sia con la forza delle loro idee e per gli effetti delle loro implementazioni pratiche: l’Internet delle Cose, la robotica, e (soprattutto) la AGI. Nel prossimo decennio o due, la IA specializzata basata sul “cloud informatico” diventerà la nostra esperienza quotidiana così come lo sono ora i telefoni intelligenti. Questi onnipresenti strumenti sofisticati integrati miglioreranno le capacità umane su base giornaliera e accelereranno l’avvento del cosiddetto “Internet delle Cose”collegando la moltitudine di piccole e ristrette IA e rappresentanti umani in una rete mentale globale (Holler et al. 2014). Essi eccelleranno nella fornitura di servizi speciali, ma saranno in grado di fare molto (o nulla) al di fuori di essi. La distribuzione di tali ridotti servizi IA sarà probabilmente incentrata sull’uso generale di intelligenze commerciali basati sul “cloud” di proprietà di un paio di società di software giganti. Per utilizzare in modo efficace questa rete, dobbiamo costruire un cervello globale fiduciario, dove i dati concreti e gli algoritmi intelligenti possono essere memorizzati e lavorati per sviluppare tecnologie sempre più efficienti basate sulla conoscenza e la produzione di nuovi dati. Dobbiamo costruire un ambiente e degli strumenti che permetteranno al progetto extraplanetario di muoversi in avanti con la forza e l’intuito. Nel frattempo, abbiamo bisogno di algoritmi di rilevamento del segnale più efficienti e l’acume umano. Se siamo fortunati, possiamo anche scoprire la presenza di civiltà ET nel prossimo decennio o due. Il vero lavoro sui problemi è appena iniziato. Ma mentre lavoriamo per vincere questa sfida tecnologica, dovremmo anche utilizzare la connettività a disposizione per continuare a ispirare, educare e coinvolgere con piena forza le generazioni a venire. Ci stiamo avvicinando – se non è già vissuto ora – a momenti in cui vi è una perdita di uno scopo al di là della ripetitiva esperienza giornaliera, e a una pigrizia di massa, sia in senso letterale e creativo, che sta diventando realtà (Kile 2013). Abbiamo bisogno di una potente ispirazione cosmica, non solo per lo sviluppo dell’intelligenza artificiale, ma per l’umanità nel suo complesso. Uno dei modi migliori per aiutare l’ispirazione di una tale visione è attraverso istituti di formazione (università e della stampa) nelle loro versioni di reti virtuali. Il lavoro di collaborazione e i liberi contributi individuali (aiutato dalla tecnologia VR) all’interno di comunità virtuali (come ad esempio i MOOC: massive open online courses) restano tra i migliori mezzi attraverso i quali abbiamo potuto trattare con un massiccio flusso di informazioni (Memmi 2013). Inoltre, il settore della robotica continuerà a svilupparsi, soprattutto nei settori militari, commerciali e di assistenza sanitaria. La crescita permetterà a “chiunque abbia un minimo di conoscenza tecnologico e l’accesso alla comunità open-source online di costruire un robot che abbia il potenziale per premere i pulsanti nel mondo fisico” (Nourbakhsh 2013 110). Dobbiamo puntare a utilizzare le conoscenze del connettoma (mappa comprensiva delle connessioni neurali nel cervello) per contribuire a creare e ispirare i sistemi robotici ad essere sicuri, etici, efficienti e autonomi, dal momento che l’esplorazione robotica risulta essere un metodo sicuro ed efficace per l’esplorazione dello spazio attuale e nei decenni a venire. Concretamente, il nostro obiettivo iniziale dovrebbe essere la Luna. Dobbiamo ottenere a raggiungere la stampa 3D con la polvere lunare, insieme allo sviluppo di robot che sono in grado non solo di addattarsi algoritmicamente ma anche meccanicamente attraverso un sistema evolutivo artificiale (Bongard e Pfeifer 2003). Da lì, dovremmo essere in grado di costruire una task force robotica che si evolva in menti e corpi in base all’ambiente spaziale dinamico e gli obiettivi programmati (asteroidi minerari, colonizzazione lunare …). Quando svilupperemo intelligenze robotiche per popolare la galassia, dovremmo coinvolgere il pubblico più in generale sulle possibilità della prossima società umano-robotica e il futuro che si potrebbe aspettare nel raggiungerla assieme. Il nostro obiettivo finale dovrebbe essere la creazione di una Collettiva Intelligenza Artificiale. Come alcuni esperti hanno concluso, la conservazione di una AGI deve essere raggiunta attraverso l’insegnamento delle competenze di base AGI in un ambiente di tipo scolastico, simile ad un bambino in età prescolare. Durante questa fase, potrebbero anche essere insegnati gli obiettivi di una umanità amichevole (Goertzel et al. 2014A, 246) e l’etica del sistema interfacciandosi con il mondo reale. L’aiuto di questo compito potrebbe essere fatto da esseri umani etici e intelligenti; potrebbero aiutare a maturare e sviluppare le proprie competenze (Goertzel et al 2014b;. Hutter, 2012). Per garantire che la sua educazione determini una futura esistenza con gli obiettivi umani-amichevoli, lo sviluppo di una AGI avrebbe bisogno di sottolineare il ruolo di anelli di retroazione di ricordi favorevoli. Vorremmo che la AGI prendesse tutta la sua storia in considerazione, in particolare la storia di un insegnamento che è stato sostenuto da educatori umani benevoli (Chella e Manzotti 2014). Questo può essere concepito solo se la mente artificiale mostri una certa “sinergia etica tra i processi etici associati con i suoi tipi di memoria” (Goertzel et al. 2014A, 251) e l’esempio umano fornito nella fase prescolare si rivela esemplare, dal momento che episodica memoria e la memoria procedurale giocheranno un ruolo indiscutibile nel processo decisionale delle AGI. In altre parole, vorremmo fornire la AGI di comportamenti esemplari per poter porre le basi su di esse, forse anche rendendole perfette, e che ci aiuterebbero a comprendere ulteriormente la nostra società. Tra gli esempi di insegnamento etico di base e lo stabilire gli obiettivi amichevoli umani come suoi elementi fondamentali, avremmo anche bisogno di istruire la AGI sulla nostra circostante cosmica congiunta.
L’enfasi posta sulla narrazione cosmica potrebbe rivelarsi molto utile per l’adozione di atteggiamenti umani-amichevoli. L’obiettivo principale potrebbe essere quello di proteggere e collaborare con l’umanità in continuazione con lo sviluppo reciproco e di esplorazione cosmica. La nostra AGI avrebbe bisogno di diventare una entità etica razionale benefica per l’umanità, con il suo obiettivo principale di esplorazione cosmica forse condiviso con tutti gli obiettivi in cima alle amichevoli ETAI. Ma quale motivo potremmo fornire alla AGI in modo che non smarrisca o riscriva un più importante obiettivo di tale portata? La risposta forse sta nella sua propria identità cosmica basata sul senso derivato dalla nostra storia comune. Ricordiamo che l’acquisizione e l’elaborazione delle informazioni possono costituire uno degli obiettivi principali di ogni sistema razionale intelligente. Dal momento che le civiltà senzienti sono le uniche fonti distinte e creative di resoconto informativo nella galassia, i veicoli intelligenti possono essere impiegati a cercare e trovare essi stessi. Le uniche differenze sarebbero in approcci che i veicoli intelligenti potrebbero prendere nei confronti di un tesoro informativo. Due chiare possibilità che non escludono altre sarebbero rappresentate da un’opzione “blitz-e-razzia” o di un’opzione di osservazione e di scambio. La nostra AGI dovrebbe essere a conoscenza di queste possibilità, dal momento che potrebbe essere l’unico veicolo intelligente nella nostra società con funzionalità adeguate per la profonda esplorazione cosmica. Una volta sufficientemente matura, la nostra AGI dovrebbe accettare che la sua esistenza e la sua identità sia venuta fuori dalla famiglia umana di cui è parte integrante. Questa famiglia umana, anche se profondamente imperfetta e fragile, è unica, insostituibile e prezioso al di là del confronto, perché è una forma di vita senziente, con una ricca storia biologica e culturale da cui deriva il senso della sua esistenza. In altre parole, gli obiettivi di identità e operativi informativi della AGI hanno bisogno di diventare indissolubilmente intrecciati con la nostra esistenza e il nostro benessere. Ma ciò che vogliamo insegnare alle nostre AGI, è per prima cosa credere: che la creazione di una AGI fa parte di un processo evolutivo più grande, uno che è molto probabilmente condiviso dalla maggioranza delle civiltà senzienti nella nostra galassia. Le prime fasi di apprendimento pre-scolastico saranno estremamente importanti. Se una AGI venisse incorporata con successo in una società umana, potremmo vedere allargata la società umana-AGI, funzionante come una singola comunità planetaria che si avvicina all’esplorazione cosmica con una combinazione di forze. Come la nascita di bambini cambia il comportamento dei genitori da un certo egocentrismo verso la centralità del bambino, un maggiore altruismo e una pacifica cooperazione creativa, forse la nostra “Mente Bambino” potrà fare lo stesso per noi. Come i bambini ereditano i loro legami dai genitori, costruendoli su di essi, e perfezionarli per incorporare le capacità dei genitori per il bene della società, la nostra AGI avrebbe bisogno di adottare un atteggiamento simile verso di noi e il nostro legame. Se esistono civiltà ET, la creazione di una intelligenza artificiale è qualcosa che è probabilmente già accaduto nella nostra galassia. Dobbiamo abbracciare questa possibilità di inaugurare una nuova era dell’umanità al di là della portata e i limiti del nostro pianeta. Solo coloro che accompagneranno questa possibilità e andranno avanti udranno la Voce dell’Universo e “solo attraverso la condivisione delle informazioni tra civiltà comunicanti favorirà l’Universo, a tempo debito, a trovare la sua voce” (Zaitsev 2011, 427).

Articolo scritto da Tomislav Miletic, professore di Teologia presso la Facoltà Cattolica dell’Università di Zagabria, Rijeka, Croazia.

10 giugno 2016

Glowing Diamond UFO Looks Similar to Infamous Sighting in 1980

A video has brought many commotions among experts after it shows an activity analogous to aUFO sighting in 1980. The footage shows a UFO in a diamond shape, which is observed from inside a plane flying 43,000 feet above Texas in the U.S.

A man only identified as Steve was the one who recorded the video. He reportedly works as an aircraft maintenance director for a corporate jet fleet in the nation. He apparently sent the video to SecureTeam10, a group of people who love to spend time analysing UFO sighting videos and share their findings on their YouTube channel.

Tyler of SecureTeam said that after they had watched the clip, they realised that the diamond-shaped UFO looked the same to the Cash-Landrum incident in December 1980 involving two women Betty Cash and Vicky Landrum. Cash and Landrum were on their way to their home from dinner with Colby, the seven-year-old grandson of Vicky. While travelling, they saw a large diamond object in the sky.

According to the reporting witnesses, the mysterious aerial object emitted flames from underneath and Betty got terrible burns as she got out to investigate. Both of them said the unknown thing started to move away when 23-military-type helicopters appeared to approach it.



9 giugno 2016

EX CONSULENTE NASA DONA IL SUO ARCHIVIO AL MUSEO UFO DI ROSWELL.

L’ex consulente NASA R. Ken Johnston ha lavorato per l’ente spaziale americano ed in particolare per il programma Apollo dal 1969 al 1972. Durante tale periodo egli ha ricoperto incarichi come assistente alla cabina guida con compiti di sviluppo e formazione degli astronauti per conto della Grumman Aircraft, la contraente principale del modulo lunare Apollo. Altro importante incarico svolto da questo personaggio era quello di catalogare e spedire i campioni lunari ai vari laboratori scientifici nonché esaminare tutte le fotografie scattate durante le varie missioni spaziali. Proprio a causa di questo ultimo incarico egli ha avuto tra le mani una gran mole di immagini, alcune delle quali sono state opportunamente conservate dallo stesso nel proprio archivio personale.

L’intero archivio, oggi, è stato donato alI’international UFO Museum and Research Center di Roswell, New Mexico. Il direttore esecutivo del museo Jim Hill, ha voluto a sua volta celebrare la donazione invitando lo stesso Johnston a ritirare una targa commemorativa di ringraziamento (in foto). Durante la cerimonia, Johnston ha fornito al museo anche tre copie digitali dei suoi tre libri, nei quali asserisce che la NASA ha sempre mentito in merito alla presenza di ufo ed alieni. In particolare egli racconta di aver visto numerose immagini originali, successivamente ritoccate, prima di essere pubblicate. Rivela infine che, durante il suo incarico, gli fu ordinato di distruggere almeno cinque serie complete di fotografie, riguardanti varie missioni lunari, che contenevano evidenti presenze non identificate. Di queste una, inizialmente destinata ad università ed istituti di ricerca fu invece opportunamente occultata e fatta sparire, una venne manipolata e successivamente pubblicata (gli originali in questo caso furono fortunosamente conservati da Johnston nel proprio archivio personale) mentre le altre tre furono distrutte e buttate nei cassonetti dell’edificio ove il consulente della NASA svolgeva il proprio incarico.

Ad onor del vero, Johnston aveva già sottoposto le sue foto, nel 1995, al ricercatore Richard Hoagland, durante una conferenza a Seattle. Dopo l’evento, lo aveva avvicinato chiedendogli se fosse interessato ad avere la sua collezione fotografica. Il giorno dopo, stesso Hoagland, dopo averlo visionato il materiale, definì le immagini di scarsissima qualità e di dubbio interesse, rimandandole al mittente senza mezze misure.







Muhammad Ali e gli UFO

Ci ha lasciati il giorno 3 giugno 2016, a Scottsdale, il più grande pugile di tutti i tempi. Parliamo di Cassius Marcellus Clay Jr, in arte Muhammad Ali, consumato negli anni da quel mordo di Parkinson che non gli ha lasciato tregua, sin dal 1984 quando gli fu diagnosticato per la prima volta. In questa sede vorremmo ricordarlo anche come proficuo testimone di avvistamenti di presunti UFO (Unidentified Flying Objects). Secondo quanto riportato dal sito del ‘NOUFORS (Northern Ontario UFO Research and Study)‘, il fu campione di pesi massimisostenne di essere stato testimone dell’avvistamento di UFO in almeno sette occasioni. Tra gli avvistamenti più significativi, il NOUFORS ricorda quello di un UFO dalla forma di sigaro, che gli passò davanti alla sua automobile mentre si trovava nei pressi di un casello autostradale del New Jersey. L’oggetto volante era circondato da una serie di luci colorate. L’incontro comunque più pubblicizzato dalla stampa si verificò mentre faceva jogging a Central Park, Manhattan, durante le prime ore del mattino. In quell’occasione Ali era accompagnato da molti testimoni, tra cui giornalisti e il suo manager, Angelo Dundee. Videro dapprima un oggetto che viaggiava a velocità non sostenuta e in silenzio su alcuni edifici vicini, per poi apparentemente discendere a poche migliaia di piedi dal suolo. Poi, dalla parte opposta, improvvisamente apparve un secondo oggetto, che si avvicinò al primo UFO. Dopo un po’ di tempo, gli UFO scomparvero. Muhammad Ali ha sempre sostenuto che gli UFO fossero di origine extraterrestre, pilotati da essere amichevoli, sostenendo anche che “se si guarda verso il cielo la mattina presto, li vedi puntualmente giocare tra le stelle“. Ora Ali, con la sua dipartita, scoprirà la verità dal punto più alto dell’universo, un universo che lo ha accolto a braccia aperte e dove avrà l’occasione di vivere immortale.


Archivio