30 marzo 2015

Brasile 1977, quando gli Ufo divennero ostili

Ricorrendo a un post “combo”, testo più video, e a una newsletter dell’amico Daniele Dellerba, vi propongo una storia ufologica del passato che sotto un certo punto di vista – quello del fare in modo che se ne parli il meno possibile o che si smetta di farlo non appena si comincia - può avere attinenza con le questioni di Canneto di Caronia. Sono fatti del 1977, anno nel quale ci sarebbe stata una sorta di invasione di una zona del Brasile da parte di Ufo ostili ed aggressivi per un lungo periodo. Si tratta di una delle vicende meno pubblicizzate e note. Non solo: propone l’immagine di alieni tutt'altro che buoni ed amichevoli, una valutazione questa, tra l’altro, che appartiene alla più recente filmografia di Steven Spielberg sull’argomento. Ad ogni, modo, Daniele ha trovato tutto nel sito di Ansu italia e questo è il link. E’ interessante notare che successivamente si ebbe la grande ondata Ufo, su scala mondiale del 1978, quella che sarebbe anche alla base della storia di Piero Zanfretta. Un evento “preparatore” del genere in Sud America potrebbe aver indotto qualche governo mondiale a temere, in quel periodo, un’invasione dallo spazio su vasta scala. Ecco il documentario che ne parla.



Fonte: http://misterobufo.corriere.it

Ufo: strane apparizioni in Russia

Ufo: Lo scorso 26 Marzo durante un temporale avvistati 6 oggetti volanti non identificati nei cieli della Russia

Ennesimo avvistamento di questo 2015. Questa volta protagonista la Russia, paese in cui lo scorso 26 Marzo è stato immortalato un fenomeno al quanto bizzarro e misterioso. Si tratta dell'avvistamento di ben 6 oggetti volanti non identificatidurante un temporale. L'avvistamento, che ha fatto molto scalpore, è avvenuto esattamente in una cittadina non lontana dalla capitale russa. Il fenomeno è stato immortalato da alcuni testimoni grazie all'ausilio del proprio smartphone. La notizia è stata ripresa da numerose testate e siti internet tra cui "segnalidalcielo.it". L'evento ha creato grande scalpore tra coloro che nella cittadina si sono accorti del fenomeno.

Ufo: strano avvistamento in Russia durante temporale

Non a caso nei giorni avvenire se ne è molto discusso sul web ed in particolare sui social network tra i residenti di quelle zone. Ci si chiede se si tratti di un fenomeno extraterrestre o di qualcosa che posso essere spiegato in base alle leggi della nostra fisica. Certamente questo avvistamento rappresenta di certo un fenomeno assai suggestivo, tanto che i filmati relativi all'evento si trovano in rete e sono in queste ore al vaglio degli esperti e degli appassionati di ufologia. Su Youtube è possibile vedere un video che mostra i 6 oggetti procedere a tre a tre perfettamente allineati. Insomma sicuramente una vicenda dai contorni assai oscuri e su cui al solito il popolo del web si divide tra coloro che puntano tutto su di una spiegazione razionalmente dimostrabile e coloro che parlano di ennesimo esempio di fenomeno extraterrestre. Quello che è certo è che questo 2015 si caratterizza sempre di più come un anno ricco di avvistamenti di oggetti volanti non identificati. Probabilmente l'anno che stiamo vivendo è il più ricco di tutti i tempi sotto questo punto di vista. Questo in quanto ormai da ogni parte del mondo arrivano testimonianze di curiosi avvistamenti non sempre spiegabili razionalmente. A breve si spera che la vicenda possa essere chiarita in un senso oppure nell'altro.

Fonte: http://it.blastingnews.com

Tragedia Airbus, spuntano le ipotesi sul complotto. Guarda il video


Sulla tragedia dell’Airbus caduto in Francia sono molte le ipotesi che smentirebbero il presunto suicidio del coopilota. Nel video viene spiegato il perché di tale convincimento e fatto ascoltare il file audio originale dell’accaduto.


Fonte: http://www.retenews24.it

29 marzo 2015

Nuovo video sugli UFO cattura l’attenzione dei cittadini messicani “Individuata una flotta


Il Messico non è nuovo, anzi, a fenomeni riguardanti avvistamenti di oggetti volanti non identificati, sono molte infatti le notizie relative agli UFO che giungono da tutto il Paese. Nelle Nazioni di lingua spagnola, per indicare gli oggetti volanti non identificati, si preferisce usare l’acronimoOVNI, rispetto al termine UFO, usato invece a livello internazionale.
Protagonista dell’avvistamento questa volta, è l’ingegnere José Luis Rueda, ricercatore presso il centro CIRAC, ossia il Centro de Investigación Rueda Cósmica. Quello degli UFO è un arcano che coinvolge l’umanità da decenni, per via di storie incredibili, spessi riportate, come in questa circostanza, da fonti qualificate.
Il caso si rivela subito molto interessante ed è stato portato all’attenzione pubblica e mediatica in seguito alla divulgazione di un video girato con una telecamera ad infrarossi. L’evento risale allo scorso Gennaio, ma il filmato è stato reso pubblico solo di recente.
Il video in questione, del 29 gennaio 2015, riprende quella che sembra una vera e propria piccola flotta di oggetti volanti, che attraversano il cielo da Atizapán De Zaragoza, comune situato a Nord della capitale, fino alla stessa Città del Messico. Le immagini sono accompagnate dalla testimonianza vocale di José Luis Rueda, che spiega ciò che ha immortalato, ed è visionabile sul canale Youtube dell’autore.
Nel filmato, si può vedere chiaramente un aereo, mentre sorvola Città del Messico, accompagnato da una serie di luci luminose, disposte in formazione sparsa e apparentemente casuale, che si muovono molto lentamente fino a creare una forma ordinata, compiendo traiettorie piuttosto lineari. Nel video l’autore spiega che con una normale videocamera sarebbe stato estremamente difficile riuscire a riprendere questi oggetti volanti, ma grazie alla telecamera a raggi infrarossi con un sensore di alta qualità e adatto alla visione notturna, le immagini risultano essere chiare e nitide. Permette, infatti, di captare oggetti che non sarebbero visibili ad occhio nudo. Il fenomeno, che appare così evidente ai raggi infrarossi, e l’assenza di rumore durante il movimento, hanno fatto ipotizzare a José Luis Rueda che si potesse trattare di una formazione di oggetti volanti non identificati. L’incredibile e singolare quantità di luci presenti nel cielo, e la loro particolare disposizione, rimangono però tuttora un mistero.



Fonte: http://www.befan.it 

28 marzo 2015

Invasori dall'altro mondo!



Buona visione.

Il C.U.S e voi!

Il C.U.S. - Centro Ufologico Siciliano, nasce dall'esigenza di indagare sulla vasta casistica di fenomeni che hanno a che vedere con la presenza di UFO ed extraterrestri sul territorio della nostra isola, ritagliando uno spazio indipendente nel panorama ufologico nazionale. Tutto il nostro operato è assolutamente NO-PROFIT, e tende alla divulgazione di questa presenza occulta tra la gente, per una sempre maggiore presa di coscienza del pubblico siciliano e non. Il Centro Ufologico Siciliano, cerca nuovi collaboratori e soci.Chiunque sia interessato può contattarmi su FB,oppure inviando una mail al seguente salvatoregiusa@tiscali.it





Fonte:Salvatore Giusa

26 marzo 2015

Elicottero Inglese del MOD all'inseguimento di quattro UFO sopra la città inglese di Bolton!

Una famiglia avvista quattro UFO. È interessante notare che, il Ministero della difesa manda un elicottero all'inseguimento di questi misteriosi oggetti aerei nei cieli sopra la città inglese di Bolton. Andrea Finney, che era con il marito Nigel e il loro figlio, prima nota gli UFO nel cielo. Ha avvertito la sua famiglia chiedendo al marito di prendere una macchina fotografica. Nigel è riuscito a scattare qualche foto dell'attività aerea insolita riuscendo a fotografare solo uno di questi UFO . Nigel ha spiegato che la telecamera che stava usando non ha una buona funzione di zoom, ma nessuna spiegazione sul perché solo un UFO è stato catturato nella fotografia. I testimoni affermano che hanno subito notato un elicottero MOD che inseguiva gli strani oggetti anomali .Sotto vedi foto.



Fonte: http://www.latest-ufo-sightings.net

BASILICATA: SEGNALAZIONE UFO.

La presente segnalazione mi è stata recapita alcuni giorni fa, dal diretto testimone, il Sig. Pietro Tucci, residente a Scanzano Ionico, una cittadina di poco più di 7000 abitanti situata nella provincia di Matera. Il testimone, che si è messo in contatto con il sottoscritto tramite un’amicizia comune, ha fin da subito espresso il desiderio di condividere la sua personale esperienza (che non sarebbe l’unica, a suo dire) rendendola pubblica attraverso un report ed alcune fotografie da lui stesso inviate. Ma andiamo con ordine, raccontando i fatti così come sono stati vissuti. Sono all'incirca le 3:50 antimeridiane del 15 marzo 2015 quando Pietro, insonne per il caldo di quella notte, si alza e dalla finestra della sua camera osserva nel cielo, sopra il palazzo situato di fronte alla sua abitazione, una luce anomala. Essa si muove in modo disordinato, veloce, quasi a zig zag, lasciando dietro di sé una scia luminosa che va, via via, sempre più restringendosi fino a formare, ad un certo punto, una sfera di forma ovale che in alcuni frangenti sembra addirittura assomigliare ad un disco. Le condizioni atmosferiche del momento sono buone e quindi la visuale di prospettiva è pressoché ottima: l’oggetto è nitidamente visibile nel cielo ed è dotato di forte luminosità anche se il suo movimento a scatti e la velocità con la quale si muove ne deformano sovente i contorni. Il testimone, tra lo stupore e l’eccitazione del momento, riesce comunque a scattare alcune foto dell’oggetto, sia in movimento che in posizione statica. L’evento durerà all'incirca un’ora (4:50) fino a quando la luce, improvvisamente, scomparirà dalla visuale. Le foto prodotte dal testimone sono state successivamente analizzate con l’ausilio di alcuni filtri speciali, da parte del Gruppo Skywatcher Romano (nella fattispecie, l’amico Giancarlo Musciacchio): lo comparazione delle immagini ha evidenziato, in effetti, la reale presenza nel cielo di un oggetto sferico luminoso costituito da un nucleo centrale solido o comunque di densità maggiore rispetto all'involucro esterno. E’ stata quindi accantonata l’ipotesi del velivolo convenzionale (assenza totale di luci anti collisione) del passaggio satellitare o della stazione spaziale orbitante (movimento atipico dell’oggetto osservato come descritto dal testimone), un possibile effetto flare o il sorvolo di un piccolo drone telecomandato (scarsa autonomia di volo nei modelli comunemente reperibili in commercio rispetto alla durata del fenomeno). Di conseguenza, l’unica pista attualmente percorribile o, se vogliamo, più verosimile rimane quella dell’osservazione di un oggetto di origini non identificate. Qui sotto il filmato con le foto originali, seguite dalla relativa analisi.


Fonte: http://danilo1966.iobloggo.com

25 marzo 2015

Lo scudo di Star Wars è realtà

"No! Provare no! Fare, o non fare! Non c'è provare!". Se il maestro Yoda vedesse la nuova tecnologia brevettata da Boeing, commenterebbe così il nuovo scudo creato dal gigante dell’aviazione. Reso operativo il sistema di attenuazione “Shockwave”, formato da un sensore di bordo e da un generatore.

“Il sensore rileva l’esplosione nelle vicinanza, quindi invia il segnale al generatore. Quest’ultimo produce un campo di plasma tra il bersaglio e l’esplosione utilizzando laser, elettricità ed onde elettromagnetiche”. Lo scudo forma una sorta di cuscinetto che ostacolerebbe l’onda d’urto, riflettendo, rifrangendo, assorbendo e deviando parte delle schegge. Si legge nella nota ufficiale: "Shockwave può ridurre la densità dell’onda d'urto deviandola in un percorso alternativo. Poiché il sistema riscalda e ionizza l'aria, non è stato progettato per avvolgere grandi aree così come visto per lo scudo di energia in Star Wars, anche se è tecnicamente possibile. Il problema semmai, si porrebbe per quanti si dovessero trovare all’interno. Gli attuali scudi progettati, infatti, devierebbero anche la luce, lasciando chiunque si dovesse trovare all’interno, totalmente al buio”.

Franco Iacch



Fonte: http://www.difesaonline.it

Luci sconosciuti sopra Kolomna, Russia 23-mar-2015


Nuovo interessante video sconosciuto che mostra oggetti luminosi librarsi nel cielo sopra Kolomna, antica città di Mosca Oblast, Russia. Questo è stato girato   Lunedì, 23  marzo 2015.



Fonte: http://www.latest-ufo-sightings.net

"X-files" ritorna dopo 13 anni: l'annuncio della Fox



La serie tv "X-files" torna in onda dopo 13 anni con sei episodi. A darne l'annuncio è stata Fox, la rete su cui quest'estate gli agenti dell'Fbi Fox Mulder e Dana Scully (interpretati rispettivamente da David Duchovny e Gillian Anderson) diventeranno nuovamente protagonisti del piccolo schermo. "X-files" debuttò nel 1993, vinse 16 Emmy Award e 5 Golden Globe. La serie è andata in onda fino al 2002. Il suo creatore e direttore esecutivo Chris Carter torna all'opera per l'occasione (a cura di Pasquale Quaranta)



Fonte: http://www.repubblica.it

24 marzo 2015

Un documentario sul governo ombra nel prevenire la verità su gli UFO

Presto in uscita un documentario su come una forza segreta ha bloccato il governo degli Stati Uniti di non rivelare la verità sugli UFO.Il documentario parla di una forza sinistra che opera segretamente dietro il governo degli Stati Uniti per nascondere la verità sugli UFO.
Il "Last Stand di Kennedy" è un documentario che promette di rivelare nuove prove circa la conoscenza del presidente Kennedy sui file su gli UFO classificati durante la seconda guerra mondiale. Il film esplora i vari tentativi per ottenere l'accesso a progetti e file  su gli UFO relativi e durante la sua presidenza di cui Kennedy non è riuscito. Il film mette in luce anche come il suo sforzo di ottenere l'accesso ai documenti e ai dati è diventato un fattore critico per il suo assassinio.

Dr. Michael Salla, produttore del film, afferma che il documentario sarà il primo su JFK e il suo assassinio per caratterizzare la stretta amicizia tra John Kennedy e del segretario alla Difesa James Forrestal. Dr. Salla dice che il film mostra come Forrestal ha introdotto la questione UFO a Kennedy durante un viaggio in Germania nel mese di luglio 1945.  

Dr. Michael Salla

Dr. Salla afferma che il documentario parla di una  iniziativa da Kennedy di cooperare con Nikita Krusciov dell'Unione Sovietica su missioni lunari e spaziali comuni nel mese di settembre 1963, come tale sforzo ha incluso un tentativo segreto per accedere classificate segreto UFO file precedentemente tenuti alla sua amministrazione.

Fonte: http://www.latest-ufo-sightings.net

L’elicottero del Papa avvicinato da un Ufo sul Porto di Napoli

A segnalare questo avvistamento destinato a far discutere e’ l'aggiornatisimo sito segnidalcielo secondo il quale lo Skywatcher Marco Mazzarella avrebbe immortalato un oggetto volante non identificato mentre volava in prossimità dell'elicottero del Papa. L'avvistamento risale alla giornata di ieri, 21 Marzo 2015, in occasione della visita del Papa Bergoglio alla città di Napoli. Marco Mazzarella che non è nuovo a questo tipo di avvistamenti dichiara: “Come mia abitudine, quasi tutti i giorni osservo il cielo a caccia di UFO e proprio ieri durante la visita del Papa ho voluto osservare la porzione di cielo che da sul Porto di Napoli, dove altre volte sono riuscito ad avvistare e registrare sfere di luce e altri oggetti misteriosi. ieri 21 Marzo 2015 il Papa ha fatto visita a Napoli e alle 18:13 l’ elicottero del pontefice si è alzato in volo dal Porto di Napoli per ritornare a Roma. Dopo la collina di Posillipo, l’ elicottero viene avvicinato da un oggetto a forma di disco che sembrava avere una struttura metallica.” Quello che sconcerta nelle immagini pubblicate da Marco è che l'oggetto volante sembra avere una struttura solida dall'aspetto metallico . 
Sicuramente gli scettici non tarderanno a screditare l'autenticità delle immagini che ritraggono l'UFO attribuendolo come al solito a un fake ben fatto. Personalmente non escludo alcuna teoria per cui mi astengo nel rilasciare affrettati giudizi anche perché non appartengo alla schiera degli scettici.


                                          © Fonte Video:Marco Mazzarella

Fonte: http://misteroufo.blogspot.it 

23 marzo 2015

Un IR-3 in provincia di Catania

La sera del 21 Marzo,dei testimoni hanno dichiarato ai responsabili del centro ufologico siciliano,di aver notato nei pressi di una contrada di Calatabiano località San Marco in provincia di Catania, delle strane luci e delle figure umanoidi all'interno di un bosco. Secondo il racconto dei due testimoni le figure umanoidi erano alti circa due metri e cinquanta accompagnati da una figura più piccola.Inoltre le figure tenevano in mano una sorta di torcia,ma non gli impediva ai testimoni di vedere chiaramente l'aspetto fisico degli esseri.Uno dei testimoni riferisce di aver filmato la luce e una di queste figure.Il maltempo di questi giorni non ha permesso di effettuare le accurate indagini da parte del centro ufologico siciliano.Dunque le indagini proseguiranno in questi giorni.Da parte nostra, dobbiamo prendere tutto con le pinze e a rispettare i canoni delle indagini prima di affermare con certezza che si sia trattato di un incontro ravvicinato del terzo tipo. 

La luce vista dai testimoni




Presunto umanoide evidenziato dal cerchietto 

Località San Marco: La Spiaggia San Marco di Calatabiano si distende nell'area costiera a sud della foce del fiume Alcantara, immersa in un'area di alta valenza naturalistica tra la foce dell'Alcantara e quella del fiume Fiumefreddo, ben conservata grazie anche al fatto che non vi è mai stata realizzata una strada litoranea. Si tratta di una spiaggia di sabbia e ciottoli tra le più belle della Sicilia orientale e a due passi dall'Etna, lunga diversi chilometri ed orlata da un rimboschimento di acacie ed eucalipti. Il mare che la bagna è azzurro e limpido, sempre molto pulito grazie anche alla limitatezza degli insediamenti lungo la costa. Costa che, a parte il piccolo villaggio di San Marco e la cartiera a Fiumefreddo, è caratterizzata solamente da colture ed agrumeti che arrivano sino alla spiaggia. La spiaggia è in certi tratti attrezzata con ombrelloni e lettini.


Di Salvatore Giusa

NUOVI TESTIMONI PER L'AVVISTAMENTO DEL LEICESTERSHIRE.

frame tratto dal video girato dalla testimone, Earl Shilton

Ricordate il recente avvistamento UFO, avvenuto a Barwell (contea inglese del Leicestershire) lo scorso 3 febbraio 2015? Ne avevamo parlato in un precedente articolo (visibile integralmente qui) nel quale avevamo riferito come una testimone, Earl Shilton, fosse stata svegliata improvvisamente nel cuore della notte ed avesse osservato (e filmato) dalla sua abitazione due globi luminosi che stazionavano e si fondevano tra loro nel limpido cielo notturno.

Del caso in questione si è largamente occupato il LUFOIN, un’organizzazione ufologica locale, che dopo aver ascoltato la testimone principale ha opportunamente avviato ulteriori indagini volte principalmente all’individuazione di altri testimoni sul caso. Ed i risultati, a quanto pare, non si sono fatti attendere molto.

E’ infatti notizia di questi ultimi giorni, che almeno tre persone abbiano deciso coraggiosamente di uscire allo scoperto.

La prima testimonianza è stata rilasciata da un uomo residente in una cittadina limitrofa chiamata Hinckley: egli ha raccontato agli inquirenti che mentre stava passeggiando con il suo cane, intorno alle 05:00 del mattino, ha inaspettatamente visto due grandi sfere luminose che sorvolavano il cielo. Erano totalmente silenziose e viaggiavano a bassa quota (circa 300 metri dal suolo). Pur non credendo pienamente nel fenomeno UFO egli ha convenuto però che gli oggetti osservati erano molto simili a quelli ripresi in video dalla testimone principale.

La seconda testimonianza è stata invece resa da un dipendente di una associazione automobilistica stradale. Al momento dell’evento egli stava soccorrendo un automobilista in difficoltà, quando ha osservato il passaggio degli oggetti. Come affermato nella precedente testimonianza gli oggetti non emettevano alcun rumore percettibile e procedevano avanti e indietro per poi dirigersi in direzione della cittadina di Barwell.

L’ultimo testimone del caso è invece un agente di polizia fuori servizio. Egli ha raccontato agli investigatori di aver visto apparire improvvisamente gli oggetti, mentre si libravano silenziosamente nel cielo sopra Barwell. Gli UFO, che non avevano nulla di convenzionalmente riconoscibile, sono rimasti visibili per circa un minuto prima di sparire.

I responsabili del LUFOIN, entusiasti dei risultati raggiunti attraverso le indagini rimangono comunque cauti sull’origine del fenomeno: secondo Joanne Kavanagh (esponente del gruppo di indagine) l’evento rimane del tutto misterioso: “Non siamo sicuri di quello che avrebbe potuto essere. Non pensiamo ad una lanterna cinese o ad un drone, perché tali oggetti non si muovono in questo modo. E' tutto molto eccitante. Abbiamo comunque potuto escludere un sacco di possibilità." Secondo l’ufologa, infine, potrebbero esserci altri testimoni da individuare: trovarli sarebbe fondamentale, perché essi potrebbero essere risolutivi per la completa soluzione del mistero.

Fonte: http://danilo1966.iobloggo.com 

21 marzo 2015

Messico: enorme UFO staziona sulla cittadina di Torreón, Coahuila



La segnalazione ci giunge attraverso il nostro amico e collaboratore messicano Emanuel Huza, che ci ha postato un video relativo ad un avvistamento a dir poco eclatante. Un enorme UFO di forma discoidale è stato avvistato e registrato nella tarda mattinata del 20 Marzo 2015 a Torreón, nella regione federale di Coahuila (Mexico). L’avvistamento non a caso è avvenuto proprio durante l’evento dell’eclissi solare, che si stava manifestando sull’Atlantico e sull’Europa. Il video è stato registrato da una investigatrice UFO di Torreón e mostra appunto l’enorme nave aliena che staziona sulla cittadina. Nel filmato spettacolare, sono visibili anche alcune sfere di luce che fuoriescono dall’enorme UFO.



Questo avvistamento ricorda da vicino quello avvenuto in Cile nel 2014, esattamente nel deserto di Catama, quando due enormi UFO discoidali che sembravano nuvole, erano stazionarie nel cielo limpido di Catama (Cile). Da una delle due nubi fuoriuscirono alcune sfere di luce color arancione. Questo straordianrio avvistamento non è mai stato fatto vedere dai media locali o nazionali, passando quindi inosservato e cadendo nel dimenticatoio più assoluto. Guardate il filmato!

Si ringrazia Emanuel Huza per la condivisione di questo spettacolare avvistamento!

Redazione Segnidalcielo



Fonte: http://www.segnidalcielo.it

20 marzo 2015

Russia, il bagliore nei cieli. Esperti in allarme: "Ufo o esercitazione militare?"



Un misterioso bagliore ieri, mercoledì 18 marzo, ha illuminato per qualche secondo i cieli della Russia, scatenando subito la paura degli abitanti e una moltitudine di teorie sulla possibile presenza di ufo. Il fenomeno è stato ripreso dalla telecamera di un'auto vicino alla cittadina di Stavropol, nel sud del paese. Dalle immagini si vede una sorta di flash bianco con le luci della strada che si spengono in concomitanza del bagliore. Molti abitanti della zona si sono spaventati dopo l'accaduto. Gli esperti meteo hanno spiegato che il fenomeno non sembra assolutamente essere naturale e all'origine ci potrebbe essere un'esercitazione militare, un guasto elettrico fino alla presenza di alieni o altri oggetti non identificati provenienti dallo spazio.


Fonte: http://www.liberoquotidiano.it/

UFO su Sydney, in Australia Il 17 marzo 2015


Un altra interessante segnalazione che ci viene dal sito http://www.ufosightingsdaily.com. Un nuovo avvistamento UFO avvenuto ha Sydney,l'oggetto è stato ripreso con una telecamera ad infrarossi.



Fonte: http://www.ufosightingsdaily.com/


SCIENZA E RELIGIONE: CONGRESSO DI ASTROBIOLOGIA A WASHINGTON.

In questo fine settimana si svolgerà, presso la Biblioteca del Congresso di Washington DC, un’importante confronto tra teologi e scienziati di fama internazionale. L’evento, intitolato “Blumberg Dialogue on Astrobiology” si articolerà su due giorni e culminerà con una tavola rotonda aperta al pubblico, durante la quale ci sarà la possibilità di un confronto diretto su temi riguardanti l’astrobiologia e la religione. Lo scopo della manifestazione è quello di "esaminare come le recenti scoperte sulle origini ed il futuro della vita nell'universo possano influenzare le tradizioni religiose e le loro diverse concezioni sull’umanità, il sé, e il nostro posto nel cosmo." L’evento, parte integrante di una collaborazione fattiva e continuativa, tra la Biblioteca del Congresso e la NASA, ha il fine di analizzare le implicazioni umanistiche e sociali legate all’eventuale scoperta di vita extraterrestre.

Fonte: http://danilo1966.iobloggo.com

18 marzo 2015

Flotta di UFO in Antioquia Colombia





Questa flotta di sfere di UFO sono sorprendenti. All'inizio sembravano  palloncini,   Invece vediamo che si  muovono in direzioni diverse e con velocità diverse. queste sfere   vengono rilasciati, da un  globo madre .Sotto il video.


Fonte: http://www.ufosightingsdaily.com

INTERESSANTI IMMAGINI DAL MESSICO.


Le immagini qui riprodotte risalgono allo scorso anno (2014), ma sono state divulgate pubblicamente nei giorni scorsi da una testimone di nome Daniela. Molto sintetico, ma efficace, il commento che accompagna le foto: “Ho scattato le foto l'anno scorso, a Jalisco, México, in una località chiamata Sierra Bolaños. Non ho notato l’oggetto fino a quando non ho riguardato le foto a casa. Notate il cerchio di luce che illumina la sfera.”

Fonte: http://danilo1966.iobloggo.com/

Le e-mail mancanti di Hillary Clinton e i file UFO

Hillary Clinton ha ammesso in una conferenza stampa del 10 marzo, di aver affrontato attraverso la sua posta elettronica le questioni specifiche del Dipartimento di Stato, provocando una serie di critiche tra i membri del partito repubblicano i quali si chiedono se le e-mail scomparse hanno qualcosa a che fare con l'incidente di Bengasi che ha provocato la morte di alcuni membri del Dipartimento di Stato.
Gran parte dei media corporativi USA stanno speculando sul contenuto dei 31.830 messaggi di posta elettronica personali che Hillary Clinton sostiene di aver cancellato, in quanto non riguardano questioni del Dipartimento.
Ciò che non è stato chiesto è se le e-mail che sono scomparse fanno riferimento ai documenti segreti sugli UFO, ai quali Hillary aveva cercato di accedere durante l'amministrazione Clinton.
Nell'agosto del 1995,Hillary aveva ricevuto delle istruzioni dal miliardario filantropo Laurence Rockefeller il quale metteva a disposizione alcune prove a sostegno della questione UFO. Il 4 agosto 1995 in un memorandum del presidente Clinton riportato su Science Advisor, il dottor Jack Gibbons, ha confermato che i Clinton durante una loro vacanza trascorsa con Rockefeller nel Teton Ranch in Wyoming avrebbero effettivamente parlato di UFO.Nel memorandum, Gibbons ha cercato di dissuadere i Clinton nel perseguire Rockefeller in modo che potesse rivelare i file segreti per la sicurezza nazionale che riguardavano il fenomeno UFO.
I documenti rilasciati dalla Freedom of Information Act (FOIA) hanno confermato il ruolo chiave di Hillary Clinton e l'interesse sugli UFO da parte dell'amministrazione Clinton .In una lettera datata 1 novembre 1995, indirizzata al direttore di Scienze, l'avvocato dei Rockefeller, Henry Diamond, ha rivelato che Hillary Clinton è stata veramente coinvolta nel redigere una lettera indirizzata al Presidente. Un'altra lettera scritta da Rockefeller stesso, indirizzata a Gibbons, in data 5 febbraio 1996, ha rivelato che l'Ufficio della Scienza e della Tecnologia intendeva tenere informata Hillary Clinton delle discussioni che avrebbero dovuto trattare la questione UFO.
Grant Cameron, il ricercatore canadese e responsabile per la richiesta per il rilascio di file UFO attraverso il FOIA, ha confermato che Hillary Clinton era la persona giusta per affrontare certe discussioni sugli Ufo all'inetrno dell'amministrazione Clinton. 
Egli scrisse: "Hillary ha ripetutamente parlato di UFO, avvistamenti e il concetto di un 'invasione aliena' era un argomento frequentemente trattato nei suoi discorsi e nelle sue dichiarazioni alla stampa." 
E 'importante notare che una delle figure coinvolte nel fallito tentativo dell'amministrazione Clinton per accedere ai file segreti UFO è stato John Podesta, che divenne capo di stato maggiore di Bill Clinton. Podesta in seguito divenne co-direttore del team di transizione presidenziale per l'amministrazione Obama nel 2008/2009 - una posizione in cui ha giocato un ruolo chiave nella selezione del personale della Casa Bianca.
Più di recente, John Podesta ha ammesso di essere stato coinvolto nel 2014 in un tentativo segreto per ottenere l'accesso ai file segreti UFO gestiti da agenzie governative sconosciute.

Fonte di riferimento:ovnihoje.com

Fonte: http://misteroufo.blogspot.it

17 marzo 2015

PAPA FRANCESCO E IL PONTIFICATO BREVE, RITORNANO LE PROFEZIE DI NOSTRADAMUS E MALACHIA




Forse Papa Francesco non pensava che dal giorno della sua elezione il 13 marzo 2013, la sua frase in cuidiceva di essere arrivato «dalla fine del mondo» avrebbe scatenato collegamenti conprofezie di santi, monache e veggenti, come scrive oggi Iltempo. DaNostradamus a Malachia, alla beata Katharina Emmerick. E che in quanto Gesuita dalla funerea tonaca, come il «Papa Nero» che annuncia l’Apocalisse e la fine dei tempi il suo volto sarebbe stato associato a quello dell’ultimo Papa, prima della fine dei tempi. Unanuova ondata di domande e misteri è nuovamente partita da quando il Pontefice si è “confidato” con la vaticanista Valentina Alazraki, per la rete messicana Televisa, nel secondo compleanno della sua elezione. Poche parole, la sensazione di avere davanti a se poco tempo come Santo Padre, per innescare una miriade di congetture e far tornare in auge le fosche previsioni. Di tutta l’intervista in cui Bergoglio parla di famiglia, dottrina e ripercorre le emozioni del conclave, non resta nulla: solo quelle parole “Ho la sensazione che il mio pontificato sarà breve”. A seguire lo stralcio integrale dell’intervista inserito nel giusto contesto e tutte le reazioni.Partiamo dalle dichiarazioni del papa originali. L’intervista può essere letta integralmentesia nell’originale spagnolo sianella versione italiana, che occupa ben quattro pagine de “L’Osservatore Romano” di sabato 14 marzo

Questo l’estratto più interessante.

D. – Abbiamo la sensazione che lei da un lato è come se avesse fretta nel suo modo di agire e dall’altro come se vedesse il suo pontificato a breve termine.

R. – Ho la sensazione che il mio pontificato sarà breve. Quattro o cinque anni. Non so, o due o tre. Beh, due sono già passati. È come una sensazione un po’ vaga. Le dico, forse no. È come la psicologia di chi gioca e allora crede che perderà per non restare poi deluso. E se vince è contento. Non so che cos’è. Ma ho la sensazione che Dio mi ha messo qui per una cosa breve, niente di più… Ma è una sensazione. Per questo lascio sempre aperta la possibilità.

D. – Lei ci ha anche detto che avrebbe seguito l’esempio di papa Benedetto…

R. – Beh, ci sono stati alcuni cardinali prima del conclave, durante le congregazioni generali, che si sono posti il problema teologico, molto interessante, molto ricco. Io credo che papa Benedetto abbia aperto una porta. Settant’anni fa non esistevano i vescovi emeriti. Oggi ne abbiamo 1400. Si è arrivati cioè all’idea che un uomo, dopo i 75 anni, più o meno a quell’età, non può portare il peso di una Chiesa particolare. Credo che Benedetto con grande coraggio abbia aperto la porta ai papi emeriti. Non bisogna considerare Benedetto come una eccezione. Ma come una istituzione. Forse sarà l’unico per molto tempo, forse non sarà l’unico. Ma è una porta aperta dal punto di vista istituzionale. Oggi il papa emerito non è una realtà strana, ma si è aperta la possibilità che possa esistere.

D. – Si potrebbe pensare, come per i vescovi, un papa che rinunci a ottant’anni.

R. – Anche. Si può, ma a me non piace fissare un’età. Credo che il papato ha qualcosa di ultima istanza. È una grazia speciale. Per alcuni teologi il papato è un sacramento, i tedeschi sono molto creativi in tutte queste cose. Io non sono di questo parere, ma questo vuol dire che c’è qualcosa di speciale. Allora parlare di ottant’anni crea una sensazione di fine di pontificato che non farebbe bene, qualcosa di prevedibile. Non sono dell’idea di fissare un’età ma sono dell’idea di Benedetto. L’ho visto l’altro giorno al concistoro. Era felice, contento. Rispettato da tutti.L’articolo continua su:www.ufoonline.it

Fonte: pianetablunews.wordpress.com

Il caso Zanfretta

E’ ora disponibile da Amazon.it la sesta edizione, riveduta e aggiornata, con una nuova grafica e maggiore documentazione, del libro "IL CASO‪ ‎ZANFRETTA‬ – La vera storia di un incredibile fatto di cronaca". Questa versione indipendente del volume, è aggiornata al presente ed è conforme alla versione internazionale in lingua inglese "THE ZANFRETTA CASE – Chronicle of an Incredible True Story". La sesta edizione, in formato cartaceo, è acquistabile a 10,90 Euro presso Amazon al seguente 
La versione eBook Kindle, invece, costa 3,99 Euro e 
si può trovare al link:http://www.amazon.it/dp/B00JAQG34W Al momento il libro cartaceo non è disponibile per l'acquisto direttamente da Amazon.it. Lo sarà tra qualche giorno. Quando non è disponibile da Amazon.it, Amazon mostra venditori alternativi presso cui si può effettuare l'acquisto. Non bisogna tenere conto del prezzo che appare ora su Amazon, perché si riferisce ad un venditore terzo che spedisce il libro dagli Stati Uniti. Quindi, si consiglia di aspettare che sia disponibile da Amazon.it e il prezzo che apparirà sarà di Euro 10,90.

Salvatore Giusa e Piero Zanfretta



16 marzo 2015

Un ufo nel cielo di Innsbruck: mistero

Segnalato ieri sera nel cielo della cittadina tirolese alle ore 20.40. Per i tecnici si tratta di un frammento di spazzatura spaziale o di un meteorite.


BOLZANO. Un ufo nel cielo di Innsbruck. Avvistato anche dall'autostrada, il che non è esattamente il luogo ideale per distrarsi. Ieri sera intorno alle 20.40, infatti, un oggetto luminoso di dubbia natura contornato da una scia azzurrina è stato individuato da più persone sopra la cittadina tirolese. Immediate le supposizioni di ogni genere e fantasia. I tecnici, però, smorzano subito qualsiasi entusiasmo: dovrebbe trattarsi, infatti, di un meteorite o di un frammento di “spazzatura spaziale”. Niente, però, di particolarmente certo a parte che la luce è arrivata da nord ovest. Rimane, insomma, un alone di mistero. Azzurrognolo. (a.c.)


Fonte: http://altoadige.gelocal.it 

15 marzo 2015

Un IR-2 accaduto a Shahrovka (Russia)?

Da un po di tempo a questa parte, le cronache ufologiche sembravano essere carenti di casi interessanti, si sentivano molte dicerie, si ascoltavano tanti “rivelatori”, si leggeva di numerosi IFO e di troppi falsi. Ma a quanto pare, dalla ex Unione Sovietica, emergono casi che meriterebbero analisi approfondite, vista l’apparente importanza, come l’episodio avvenuto nella cittadina di Shahrovka il giorno 15 febbraio 2015. Gli abitanti del quartiere di Omutninsk, nella regione di Kirov, credono di essersi trovati di fronte ad un insolito fenomeno, che ha lasciato delle tracce di forma precisa sul tetto di una casa.


La padrona di casa, intervistata dai giornalisti dell’insolito del sito internet Kosmopoisk.ru, descrive l’incidente come segue. Verso le ore 3 del mattino fu svegliata da un forte rumore simile a quello emesso da un treno in movimento. Nell’intento di accendere le luci dell’abitazione, si accorse che tutte le lampadine della casa erano fulminate. Inoltre, afferma la donna, tutte le persone che erano in casa – inclusa lei stessa – ebbero un forte mal di testa e non riuscirono più a dormire. Il nipote dei proprietari di casa, dell’età di tre anni, si comportò in modo insolito, svegliandosi come gli altri quella notte, ma non riuscì a calmarsi e gridò agitando le braccia come per scacciare uno sciame di insetti.


Il giorno dopo i proprietari di casa, usciti fuori l’abitazione, notano che la neve che copre il tetto del loro immobile è colma di tracce dalla forma precisa. Esse descrivono otto rettangoli con angoli arrotondati, disposti su due file. Accanto ad esse vi è una figura che può essere descritta avente la forma di una punta smussata, assente sul lato sinistro del tetto.




Come era logico aspettarsi, l’insolito fenomeno ha catturato l’attenzione di molto abitanti della cittadina, diventando per qualche giorno argomento di conversazione nei bar, nelle strade, nelle comunità familiari. Il tetto dell’abitazione è stato ripetutamente fotografato. La maggior parte degli abitanti ritiene che le tracce siano state prodotte da un UFO, mentre molte altre parlano dell’evento in modo sarcastico e umoristico. Alcuni ricordano che cinque anni prima, l’intera comunità di Shahrovka fu coinvolta da un altro avvistamento di UFO. Secondo i ricercatori di Kosmopoisk.ru l’evento potrebbe avere una spiegazione razionale, ossia che lo scioglimento della neve possa aver assunto la forma delle travi interne del tetto. Tuttavia, affermano, questa ipotesi non spiega il forte rumore e i problemi transitori di salute che hanno coinvolto tutti i testimoni della casa. I ricercatori di Kosmopoisk.ru hanno in programma l’intento di raccogliere ulteriori informazioni, parlare con i testimoni, analizzare il tetto dove sono apparse le strane tracce e confrontare questo caso con altri che hanno coinvolto gli UFO nella regione di Kirov.

Se ci saranno ulteriori aggiornamenti, verrete immediatamente informati.

Fonte: ufoedintorni.wordpress.com

Obama scherza sull’ Area 51 e UFO durante una trasmissione TV



Durante la notte del 12 marzo 2015, il presidente Obama è stato invitato come ospite allo show telervisivo "Jimmy Kimmel Live" e, come ha fatto con il Presidente Clinton, Kimmel ha chiesto a Obama se avesse informazioni sugli UFO e sull' Area 51. Il presidente che sembrava abbastanza euforico ha affermato che se fosse diventato presidente la prima cosa che avrebbe fatto sarebbe stata quella di indagare in quello che il governo sa sull'Area 51 e sugli UFO . Obama ha risposto che per queste ragioni non potrebbe mai diventare un presidente. Kimmel ha poi chiesto a Obama se aveva indagato su quello che stava succedendo in questo settore. Obama ha risposto: "Gli alieni non lo avrebbero permesso visto che tutti questi segreti non devono essere svelati e soprattutto perche' esercitano uno stretto controllo su di noi. " Kimmel ha avvertito Obama che la gente era intenzionata ad osservare le sue espressioni facciali insieme a ogni sua mossa trapelata a seguito delle sue risposte esilaranti . Da tenere presente che dopo il parere di Bill Clinton sugli alieni, Ben Hansen intendeva analizzare il comportamento di Obama in modo da metterlo alla prova. 
Il contenuto di questo passaggio del colloquio e la conversazione sembrano completamente deliranti e un po 'inquietanti. Alcune persone nell'osservare la reazione di Obama ritengono di avere ottenuto la conferma che gli alieni controllano il governo.  Tuttavia, Kimmel e Obama non hanno fatto altro che ridere per tutto il tempo. L'umorismo e l'ironia hanno contagiato il pubblico anche se qualche dubbio rimane su quello strano comportamento poco presidenziale, come se l'inquilino della Casa Bianca avesse esagerato nel bere qualche bicchiere di bourbon nascosto sotto la scrivania del conduttore.
Fonte di riferimento: ovnis-direct.com



Fonte:  http://misteroufo.blogspot.it

13 marzo 2015

COMUNICATO STAMPA - AREA 51 PROJECT - ANDREA COCCHIARA

Area 51 Project, associazione culturale “no-profit” con sede a Milano, organizza la mostra “Area 51 Project - Andrea Cocchiara”.

Dal 27 marzo al 6 aprile 2015 sarà possibile visitare la PRIMA mostra italiana di ARTE ALIENA presso lo spazio espositivo dell’Ex Fornace, in Alzaia Naviglio Pavese n.16 a Milano. La mostra è la prima tappa di un progetto che vede l’associazione milanese impegnata nella creazione di un nuovo movimento artistico che s'ispira e si fonda sull'arte aliena in tutte le sue forme creative. Nella prima mostra italiana che tratta il mondo alieno, Andrea Cocchiara, artista, scultore e designer milanese, presenta le sue opere realizzate sulle razze aliene più famose e avvistate sulla terra.
Ispirandosi al mondo alieno, dopo una lunga e laboriosa ricerca nella letteratura ufologica, negli archivi messi a disposizione da importanti studiosi di ufologia, Andrea Cocchiara ha creato le sue opere tridimensionali che presentano 4 razze aliene che stupiranno tutti i visitatori ed appassionati per la sconvolgente realtà realizzativa. L’artista, scultore realizza il progetto di AREA 51 PROJECT facendosi coinvolgere dalla sua passione personale verso il mondo extraterrestre partendo proprio da quella base militare situata nel Nevada il cui mistero crea interesse in tutti gli ufologi "e non solo", del mondo intero.
Andrea Cocchiara fondatore del movimento dice: “Un periodo importante questo per l’argomento trattato. In forte e continua espansione il mondo dell’ufologia, attiva le sue calamite, avvicinando sempre più persone di ogni età. Voglio rappresentare queste creature in maniera realistica e straordinaria, voglio catalizzare gli sguardi, smuovere la curiosità che è in tutti noi. Ogni persona che si ferma ad osservare le mie sculture ha un momento di riflessione, dubbio, speranza e forse anche paura. Che siano creature possibili o meno, al momento nessuno può dirlo, ma Vi consiglio di restare in attesa con lo sguardo verso l’alto perché forse la verità potrebbe essere più vicina di quanto si pensi". Nel percorso della mostra si potrà avere informazioni sul mistero che racchiude area 51 (base militare segreta inaccessibile – situata nel deserto del Nevada). Saranno rivelate le forme di alcune delle più famose razze aliene e i loro mezzi di comunicazione. Saranno presentati artisti che aderiscono al progetto di Area 51 Project con l'esposizione di opere che s’ispirano alle sculture di Andrea Cocchiara e spaziano tra pittura, arte vetraria, narrativa e musica (artisti ospiti e protagonisti della mostra Davide Triveri, Marco Ribolla, Roberto Anzaldi, Michele Pittoni). Durante la mostra sarà presentato il grande progetto ideato da Andrea Cocchiara, Piero Margan e Savi Arbola Appiani, con la creazione della prima Art-Factory di Arte Aliena, dove tutti gli artisti che si ispirano a questa forma di comunicazione avranno la loro base, dove potranno sviluppare progetti artistici, creando un nuovo movimento di “arte al futuro”, per raggiungere insieme nuovi orizzonti che vanno oltre l’immaginario. Piero Margan co-fondatore del movimento spiega che “UFO è l'acronimo inglese per Unidentified Flying Object, ovvero oggetto volante non identificato (in italiano OVNI). Nel senso letterale e proprio del termine, un UFO è un oggetto volante di cui non è stato possibile identificare la natura. Oggi, noi siamo proprio come gli UFO, non ci conoscono ancora, ma ben presto il nostro gruppo creativo e le nostre idee innovative avranno voci e interpreti. Stiamo creando una nuova razza di artisti alieni, che si uniranno in tanti equipaggi di navigazione, offrendo a tutti il modo di esprimersi in tutte le arti, per comunicare e farsi riconoscere come brand artistico e non solo”.

AREA 51 PROJECT
E’ consultabile a questo indirizzo di facebook:

ANDREA COCCHIARA

Artista eclettico fortemente attratto dal materico. per lui il contatto con la materia innesca il meccanismo di ricerca, sperimentazione e intuitività. Originariamente artista autodidatta, crea e propone opere di vario genere con tecniche miste. il legno - gli stucchi i colori, materiali di recupero, diventano una sfida per realizzare oggetti unici e di utilità.
Il riciclo di oggetti lo vede impegnato per diverso tempo nella realizzazione di oggetti singolari e stravaganti ma di grande effetto. Lavora con le resine appoggiandosi ad uno scenografo di Milano. Sperimenta così i panneggi statici trasformando semplici oggetti in opere d’arte fermate dal tempo. Nel 2000 si avvicina al mondo tridimensionale del modellato in creta. Per 10 anni frequenta la bottega del maestro Gianfranco Pelizzoni, noto pittore in Milano. Inizia con la realizzazione di sculture figurative dallo stile classico per poi arrivare negli ultimi anni alla realizzazione di busti in scala 1:1 con ritratti di personaggi fantasy e dei fumetti, sculture rivolte prevalentemente al mondo del collezionismo. Nel 2013 entra a far parte dell’associazione “PONTE DEGLI ARTISTI”, parte del gruppo di artisti che con i loro interventi, realizzano mostre ed esposizioni e in poco tempo diventa responsabile del comitato artistico della stessa associazione. Partecipa al fuori salone del mobile 2014 nell'evento “NON SOLO DESIGN” proponendo un restyling di successo su vecchi mobili in stile decò ed arte povera. Inventa per quella occasione un logo in stile anni 80 nominato POP MOTIVE disegnato ripetutamente su ogni mobile esposto. Attualmente sempre con POP MOTIVE sta realizzando grandi tele anche con l’aiuto dell’arte digitale. Nel mondo della scultura invece il suo lavoro è dedicato quasi esclusivamente al mondo “ufologico”. Altra sua particolarità sempre in materia di scultura, lo stile che richiama il fumetto “ CARTOON STYLE “ Opere originali con sembianze caricaturali ma con espressioni naturali e nello stesso tempo divertenti

Per informazioni e per organizzare interviste con gli artisti

Ufficio Stampa: “Area 51 Project"
Piero Margan - 329.65.48.102

Fonte: http://www.glialienitranoi.it/
Diciottesimo anniversario delle luci di Phoenix. Phoenix 13 marzo del 1997 - Molto probabilmente si tratta dell'avvistamento Ufo più incredibile della storia. Perchè a testimoniarlo furono circa 10 mila persone, residenti nel Nevada e nell'Arizona, ma soprattutto a Phoenix.


Quella sera migliaia di persone attendono di cogliere il passaggio della cometa Hale-Bopp, quando d'improvviso un "enorme, gigantesco oggetto triangolare con molte luci sul bordo" resta sospeso sui cieli del Nevada e dell'Arizona. Un caso che coinvolse anche lo stato del New Mexico, ma che la stampa ignorò, quasi sprovvista dei regolari criteri selettivi di una notizia. Insomma, arrivano gli alieni, qualche quotidiano dovrà pur raccontarlo. E invece no: cala il silenzio. Si sveglia solo dopo tre mesi Usa Today, che in prima pagina ci schiaffa un bel pezzo sul fatto, quasi scaduto ormai, ma che riesce comunque a sollevare domande, interrogativi. "Sembrava capace di volare molto velocemente, persino a velocità supersonica e supera i 1.500 metri di lunghezza, con cinque luci disposte a 'V'”. Tra le 20:15 e le 20:45 abbiamo registrato la presenza di una gigantesca astronave che ha attraversato il centro della valle di Phoenix ad altitudine variabile, preceduta da una formazione di globi di luce visibile da quasi tutta l’Arizona". E' Michael Tanner, membro di un team di inquirenti che seguirono l'evento, il quale ricevette "circa 800 rapporti da testimoni oculari del caso Phoenix".


Una famiglia testimoniò che l'Ufo era "talmente largo" che i due figli "seduti sul sedile posteriore potevano vedere simultaneamente le due ali da entrambi i finestrini". Ma tra gli osservatori c'è pure il National UFO Reporting Center, che a sette ore dall'accaduto riceve una telefonata da un aviere di stanza alla base aerea di Luke, situata a 32 km a ovest di Phoenix. Il pilota è schietto: "Abbiamo lanciato due caccia F-15c e uno di essi è stato intercettato da un gigantesco oggetto in corrispondenza dell’incrocio tra Indian School Road e la 7th Avenue, subendo un’interruzione delle comunicazioni". E anche se l'indomani i responsabili della base aerea di Luke smentiranno l’accaduto, i tabulati telefonici delle chiamate a lunga distanza, che indicano chiamate effettuate alla base, contraddiranno le dichiarazioni degli ufficiali. "Ho parcheggiato vicino ai silos del perimetro occidentale, di fronte all'ingresso della Base Aerea di Luke - racconta invece Bill Greiner, autotrasportatore che quel giorno percorreva l’Interstatale 17 - Mentre scaricavo la merce, improvvisamente tutto divenne assolutamente tranquillo. Un silenzio inquietante. Ne apparve uno proprio sopra la base, un altro che si dirigeva verso Wickenberg e se ne stavano lì, sospesi in aria, enormi globi silenziosi. Da Luke si alzarono due caccia, mi superarono in un attimo e si lanciarono all’inseguimento. Ma gli oggetti si sganciarono in un baleno!". Un allarme dunque, perché per la prima volta gli extraterrestri sembravano dietro l'angolo, che ci fissavano, quasi sfottendoci se vogliamo, con quel pizzico d'ironia di chi sa ma ti lascia nel dubbio. Quel dubbio che sullaTerra diventa però spesso l'alibi impeccabile dei governatori, che in quelle ore, specialmente, cominciano ad innalzarsi cattedra morale. Ignorano, si chiudono gli occhi, e ci ridono su. Ad inscenare la farsa più grande è lo stesso governatore dell'Arizona, Fyfe Symington, che trascorsa una settimana dall'avvistamento indice una conferenza stampa, promettendo indagini complete. "Ora chiederò all’Agente Stein ed ai suoi colleghi di scortare qui l’indiziato, così tutti potranno vedere il colpevole". Symington apre così la sua performance, dando il via libera in sala stampa ad un tizio con in testa un’enorme maschera da alieno grigio, in tuta di alluminio. Una grande risata in faccia ai testimoni, bollati come matti da legare. Da quel giorno sul mistero delle 'Luci di Phoenix' sono state avanzate disparate ma inconsistenti teorie: dai razzi agli aeroplani in formazione. Mentre dall'Amministrazione Aeronautica Federale, da Sky Harbor e dalla Base Aerea di Luke non è mai arrivata una spiegazione ufficiale per ciò che quella notte illuminò il cielo dell’Arizona.


Fonte: http://www.invasionealiena.com

Non è un UFO; ma un drone militare russo

Un'altro invasivo marchingegno volante sta per solcare i nostri cieli sempre più affollato di droni di ogni genere che spesso vengono scambiati per degli UFO. Dal 2014 la Russia ha un nuovo drone, e se le immagini di questo prototipo non sono di vostro gradimento sappiate che sono le uniche disponibili in rete.Creato dalla Engineering Corporation, il Chirok è un drone da ricognizione e attacco che può atterrare e decollare da quasi tutte le superfici.Questo perché il drone o UAV funziona anche.come un hovercraft. Con un cuscino d'aria 'gonna' strutturato intorno alla parte inferiore, il Chirok può viaggiare via terra, sull'acqua e decollare fino a raggiungere un'altitudine di 6,000m e volare a 2.500 km\h.Quello che state vedendo qui è solo un modello.
I suoi creatori hanno già costruito un prototipo di 750kg che mette in mostra un impressionante apertura alare di 10 metri. Il prototipo verrà esposto in occasione di una dimostrazione dal vivo che si terrà nel 2015 in occasione dell 'annuale fiera della federazione Russa. Il suo aspetto terrificante sarà l'ultima delle vostre preoccupazioni perché l'UEC , l'azienda che lo ha progettato, ha intenzione di costruire un dispositivo simile ma molto più grande dal peso di 2 tonnellate capace di trasportare rifornimenti, missili o bombe.

Fonte di riferimento:huffingtonpost.co.uk

Fonte: http://misteroufo.blogspot.it/

Intervista al Prof. Corrado Malanga

Potrebbe spiegare ai nostri lettori cosa sono le abductions?

"Con questo termine anglosassone si definisce una situazione nella quale un essere umano racconta di essere stato catturato da entità aliene di vario genere, sovente alla presenza di militari di questo pianeta. L’adduzione avviene non solo di notte ma in qualsiasi momento della vita. La tecnologia che sta dietro queste situazioni è sicuramente molto evoluta ma non al di fuori della comprensione della fisica moderna. Il soggetto addotto racconta infatti situazioni che avvengono durante l’apparente blocco dello scorrere del tempo. Tutta l’operazione di adduzione accade dunque in un solo "fotogramma di esistenza". Fotogramma nel quale il soggetto addotto è relegato. Nel mentre, tutte le altre creature viventi attorno a lui sono andate avanti nella freccia del tempo. L’addotto si trova così imprigionato, durante il rapimento alieno, in una bolla temporale nella quale egli è completamente isolato dal resto del mondo e in cui accadono le vicende da lui raccontate.
L’adduzione avviene per ottenere dall’uomo una cosa che l’alieno non possiede. Un’energia vitale che renderebbe l’alieno immortale. L’uomo, infatti, è per l'alieno un contenitore di tre coscienze, ossia tre sorgenti vitali, definibili convenzionalmente con i nomi di anima, mente e spirito. Queste tre coscienze sono rappresentabili come gruppi di vettori o, per alcuni versi, descrivibili come gruppi di quark colore. Agli alieni interessa solo la parte animica poiché priva dell’asse del tempo e dunque immortale. Essa dimora all’interno dei corpi umani onde effettuare esperienza del mondo solido - il mondo nel quale viviamo - e, in particolare, esperienza riguardo l’inizio e la fine delle cose. Tra queste esperienze vi è dunque anche quella della morte ed è per questo che attualmente l’uomo, contenitore di queste tre entità coscienti, muore.
L’alieno non sopporta l’idea di terminare la sua esperienza in questo universo tridimensionale e, per questa ragione, ha deciso di impadronirsi di questa parte animica caratteristica dell'uomo, costringendola per mezzo della tecnologia a rimanere sempre imprigionata in contenitori - cioè corpi - alieni, i quali in questo modo non morirebbero mai fisicamente.
L’alieno moderno rappresenta dunque il mito del demone che, junghianamente parlando, ti ruba l’anima, dove l’addotto sarebbe colui che, per imperizia, avrebbe inconsapevolmente accettato un patto con il diavolo. In questo contesto, i demoni della nostra storia vengono letti in chiave archetipica come gli alieni di oggi.


Dunque, gli alieni esistono davvero? E’ mai stato protagonista di un incontro ravvicinato del quarto tipo?

Gli alieni esistono in quanto esseri con coscienza. La coscienza è la vita e rappresenta la realtà reale della creazione - cioè l'ordine implicito - mentre lo spazio, il tempo e l’energia sono i vettori su cui si basa l’universo virtuale, una sorta di specchio in cui la coscienza si guarda per comprendere come essa è fatta. L’alieno è diverso dall’uomo in quanto privo di parte animica e dunque meno cosciente dell'uomo. L'uomo, sebbene inconsapevolmente, è più completo dell'alieno, ed è in realtà anche più evoluto dell'alieno.
In questo contesto, e per quanto detto sopra, l’espressione "essere stato testimone dell’adduzione" va vista da un altro punto di osservazione. Io sono testimone diretto di tutto quello a cui voglio essere testimone. In altre parole, la mia coscienza integrata - cioè la somma delle tre coscienze di anima, mente e spirito - può decidere se comportarsi, di fronte a qualsiasi evento, o come onda o come particella, decidendo di non interagire o di interagire con il fenomeno che ha davanti. L’idea dell’interazione produce uno stato coscienziale che trasformerà la mia coscienza in particella, cioè ben strutturata e definibile di fronte all’evento che lo renderà altrettanto tale ai miei occhi. Ma se non desidero fare l’esperienza, la mia coscienza si trasformerà in onda, dove la probabilità di essere lì in quel punto ed in quel momento è un numero decisamente piccolo. Io sarò dunque invisibile di fronte all’evento; e l’evento non apparirà nella mia realtà virtuale.
In parole meno complicate, da un punto di vista quantistico la mia coscienza decide sempre quale sarà la mia esperienza. Ne consegue che è solo la mia consapevolezza (=il parametro con cui si misura la coscienza in questo universo) a decidere se sarò rapito dall’alieno o non avrò mai questa esperienza. La scelta di tutto ciò che mi accade è solo mia. In questo contesto l’addotto sprovveduto, che non ha capito questo meccanismo, può comprenderlo e - nel momento in cui lo comprende - decidere meglio cosa fare. Conoscendo il meccanismo delle cose virtuali, si può decidere se continuare a perdere tempo con gli alieni o fare l’esperienza che si sceglie e non quella che gli alieni hanno forzatamente scelto per noi. E’ dunque l’addotto responsabile delle sue adduzioni? Si! E’ dunque l’addotto colpevole delle sue adduzioni? No. Nell'ordine implicito dell'universo, ossia il reale ordine dell’universo, infatti, non esiste il concetto di dualità. Non ci sono buoni e cattivi, giusti o ingiusti. Tale concetto è solo legato alla struttura del nostro cervello che non è in grado di comprendere come la mappa del territorio, cioè l’immagine di quello che ti appare, è relativistica nel senso einsteiniano del termine.
Non ci sono alieni cattivi o demoni cattivi o angeli buoni. Ci sono solo soggetti vivi, cioè con coscienza, che hanno però livelli di consapevolezza decisamente diversi tra loro.

Secondo Lei, i diverbi tra scienza e religione sono destinati ad attenuarsi? La genesi biblica è un’allegoria cosmogonica? Qual è la sua interpretazione? 

La scienza e la religione sono due rami nati da uno stesso albero chiamato magia. Il mago era un tempo colui che consigliava il politico, era altresì lo scienziato di corte ma anche colui che parlava con Dio. La figura eidetica di Mago Merlino ne è un esempio. Il politico aveva tuttavia compreso che il potere del mago era troppo elevato e così il potere della magia fu diviso tra il potere della religione e quello della scienza. Dove la religione ha i misteri della fede (che peraltro sono insondabili come la volontà di un Dio sovente dispotico), così la scienza ha i dogmi delle leggi della fisica, le quali sono quasi altrettanto insondabili regole e - a ben vedere - anche la loro provenienza è in vari casi non particolarmente chiara. I due poteri sono dunque una rappresentazione del fatto che non esiste dualismo bensì vi è in pratica un'assoluta identità di vedute. Sia la scienza sia la religione vogliono sottomettere il mondo intero, sia la scienza sia la religione hanno regole che servono a sgravare l’uomo dalle responsabilità delle proprie azioni, sia la scienza sia la religione sostengono di agire per il bene dell’umanità, hano ambedue regole fisse che dimostrano quanto, nella regola, esiste l’inganno della divisione. Se segui la regola sei dentro il movimento. Se non segui la regola, sei fuori e così dividi l’umanità e non la unisci di certo. Per nome di scienza e religione sono stati commessi gli atti più atroci contro l’umanità. Sia la scienza sia la religione odiano la magia, ma se ne servono di nascosto o addirittura inconsapevolmente. Basti pensare ai riti magici e agli esorcismi della Chiesa Cattolica contro i nazisti e paragonarli ai tentativi di trasformare il piombo in oro dei primi alchimisti, al tentativo, da parte della scienza, di dimostrare che Dio è misurabile attraverso un elusivo bosone di Higgs. Dio siamo noi e noi siamo gli scienziati che costruiscono l’universo, attimo per attimo. Il vecchio testamento è un libretto troppo moderno per avere a che fare realmente con l’età del pianeta Terra. A meno di non prendere in considerazione il fatto che esso era in realtà già stato scritto a babilonia e che la storia babilonese del diluvio universale altro non è se non la stessa storia che è narrata negli antichi racconti delle civiltà della valle dell’Indo. Il dio degli ebrei sembrerebbe aver copiato Shiva e Vishnu?"

Salvatore Giusa e Corrado Malanga


Fonte: http://ilbardo.jimdo.com/

Archivio