27 febbraio 2014

IL METEORITE ESPLOSO SU TUNGUSKA PROVENIVA DA MARTE?

L'origine del meteorite Famoso Esploso su Tunguska E Ancora Oggi fonte di Accesi dibattiti. Mettendo TRA Parentesi l'ipotesi ufologica e accettando l'ipotesi Che l'Evento Sia Stato causato dall'impatto di un meteorite delle Nazioni Unite, la Domanda legittima e: da colomba proveniva? Sebbene Fino a poco tempo fa la maggior Parte degli Esperti negava la possibilita Che il meteorite provenisse Dal Vicino Pianeta Marte, Oggi Nuovi indizi Fanno ritenere this ipotesi Molto Più Concreta.


La scorsa primavera, Presso il Museo Geologico di Stato dell'Accademia Russa delle Scienze, lo scienziato Andrei Zlobin FECE Una Dichiarazione alla luce delle Nuove Analisi eseguite sui presunti frammenti del Corpo Celeste Caduto nell'estate del 1908 Silla taiga siberiana Vicino Tunguska. I frammenti meteoritici Furono rinvenuti circa ONU Quarto Di Secolo fa Presso il letto del fiume Vicino alla zona dell'impatto. L'Analisi chimica dei Residui ha rilevato la Presenza Di Una Struttura vetrosa e di quarzo, Fattori estremamente Rari nia Meteoriti. Fino alla Caduta del  grosso meteorite Nel febbraio dello scorso anno, il Che ha interessato la Regione di Chelyabinsk nda Pressi del lago Chebarkul, la maggior Parte degli Esperti preferivano attribuire l'Evento di Tunguska all'impatto di Una cometa, Forti del Fatto Che Nella Regione non erano staticamente Trovati detriti.Pietra di John‘, una misteriosa roccia rinvenuta nel 1972 da John Anfinogenov in una valle nei pressi del Monte Stojkovic, l’epicentro dell’esplosione di Tunguska. Come scrive Irina Shlionskaya su la pravda.ru, le analisi hanno rivelato che la composizione chimica della pietra è significativamente differente dalle altre formazioni rocciose presenti nella zona, presentando una struttura vetrosa e la presenza di quarzo. La struttura risulta simile a quella dei campioni studiati da Andrei Zlobin che sono stati analizzati dalle sonde robotiche in missione su Marte.I ricercatori hanno suggerito che se su Marte, il pianeta più vicino alla Terra, c’è la presenza di quarzo, non si può escludere la possibilità che uno dei suoi frammenti possa aver provocato l’evento di Tunguska, forse scagliato nello spazio proprio da un massiccio impatto meteoritico avvenuto sulla sua superficie. Lo studio del team della Anfinogenova, comunque, solleva tante domande almeno quanto lo studio di Zoblin. Dei numerosi meteoriti di origine marziana presenti sulla Terra, finora nessuno di essi coincide con la composizione della Pietra di John. Da un lato, quindi, non si può escludere l’ipotesi dell’origine marziana del meteorite di Tunguska, ma d’altra parte, non ci sono ancora prove sufficienti per dimostrarlo. Si attendono nuove ricerche per far luce su questo mistero che accompagna l’umanità da più di un secolo. I risultati dei test delle sonde confermavano la presenza di tracce di quarzo nelle rocce del Pianeta Rosso. Quando Zlobin ha divulgato il suo studio, Natalia Artemyeva, dell’Istituto di Dinamica della Geosfera ha affermato che la “struttura vetrosa e la presenza di quarzo non è nota nei meteoriti”.

26 febbraio 2014

"UNA INTENSA LUCE BLU POI IL NULLA" UN UFO AVVISTATO IN PROVINCIA DI ORISTANO?


Continuano gli avvistamenti di ufo: la testimonianza, raccontata al giornalista Antonio Naìtana per L'Unione Sarda oggi in edicola, arriva da San Nicolò D'Arcidano. Questa volta lo strano avvistamento, avvenuto lo scorso fine settimana, ha come teatro l'oristanese, più precisamente San Nicolò D'Arcidano. Sono state una decina le persone che hanno visto "un'intensa luce blu".
"Erano le 18 circa - racconta Fernando Siddi, fabbro di 33 anni - ero a casa con la famiglia quando ad un certo punto abbiamo visto una luce folgorante all'esterno e ci siamo subito precipitati fuori. Ad una cinquantina di metri di altezza, sopra le case, un'intensa luce blu ha illuminato tutto il quartiere. Poi quell'oggetto è sparito nel nulla".

Avvistatore di ufo a Capoterra "Li vedo due-tre volte al mese"

Dal terrazzo della sua casa a Capoterra l'ultimo avvistamento di ufo risale a venerdì scorso.
Stafano Farigu, 44 anni, ha un canale tutto suo su Youtube dove pubblica tutti gli avvistamenti di ufo: "L'ultimo è avvenuto venerdì scorso quando due dischi di luce hanno scortato un aereo Alitalia appena decollato da Elmas" racconta al giornalista de L'Unione Sarda Ivan Murgana. "In media - precisa - mi capita di vederli due o tre volte al mese".
Farigu è in contatto con tutti gli ufologi del mondo e fa una precisazione "Non sono pazzo".
I dettagli della notizia oggi in edicola con L'Unione Sarda.


SCOPERTO UN INSEDIAMENTO DI 11 MILA ANNI FA SUL FONDO DEL MAR BALTICO

Si tratta di un antico insediamento ben conservato risalente a 11 mila anni fa individuato nella baia di Hanö, a circa 16 metri di profondità. La stampa locale l'ha già impropriamente ribattezzata l'Atlantide Svedese.


Un gruppo di archeologi subacquei svedesi ha scoperto un insediamento dell’età della pietra inghiottito dalle acque del Mar Baltico. Il sito contiene una collezione di reperti ben conservati attribuiti a gruppi di cacciatori-raccoglitori nomadi vissuti circa 11 mila anni fa. Secondo quanto riferisce il quotidiano svedese The Local, il sito era in realtà una sorta di discarica di cui si servivano i nomadi per disfarsi degli oggetti non più utilizzati.Sepolto ad una profondità di 16 metri sotto la superficie della baia di Hanö, al largo della costa della contea di Skåne, in Svezia, i reperti includono pezzi di legno, strumenti di selce, corna di animali, corde, un arpione realizzato con corna di animali e ossa di uri, gli antenati dei moderni bovini. “Circa 11 mila anni fa ci doveva essere una sorta di laguna nella zona, e tutti i pezzi di legno e di ossa si sono ben conservati sul suo fondo”, ha spiegato Björn Nilsson, professore di archeologia presso la Södertörn University.Sorprendentemente, infatti, i manufatti si sono conservati in perfetto stato grazie alla carenza di ossigeno e all’abbondante presenza di Gyttja, un sedimento gelatinoso che si forma quando la torba comincia a decomporsi. “Se l’insediamento fosse stato sulla terra ferma, avremmo trovato solo i manufatti di pietre, ma nulla di organico”. L’archeologo svedese si è visto costretto a bacchettare i media svedesi definendoli scadenti, dato che avevano battezzato erroneamente la nuova scoperta come l’Atlantide Svedese, anche se i resti non appartengono a un villaggio vero e proprio. Si tratta infatti di nomadi, quindi “non c’era alcun villaggio”, sottolinea Nilsson. Tuttavia, come egli stesso ammette, è estremamente raro trovare reperti dell’età della pietra così ben conservati. La squadra di Nilsson sta continuando a esplorare la zona in cerca di un potenziale luogo di sepoltura. “Quello che abbiamo trovato è forse uno dei più antichi insediamenti permanenti della Svezia e della Scandinavia”, commenta Nilsson.

25 febbraio 2014

L'Indian Air Force intercetta un UFO diretto verso il Pakistan

                                                              Fonte; indiatimes.com

NEW DELHI: L'Indian Air Force ha fatto decollare un Su-30MKI dopo che i suoi radar di rilevamento avevano individuato il  movimento di un oggetto volante non identificato che volava lento in direzione del Pakistan in prossimità' del confine con il distretto dell' Amritsar e che si sarebbe avvicinato a due voli civili che sorvolavano quella zona. L'IAF sta ancora indagando sull' incidente avvenuto all'inizio di questa settimana che avrebbe coinvolto un aereo da trasporto An-32  durante la fase di atterraggio su una stretta pista dell'aeroporto di Delhi . L'incidente sarebbe avvenuto quando i  radar avevano agganciato un UFO nei pressi di Amritsar, che si muoveva lentamente verso il confine internazionale con il Pakistan". In quell'occasione era stato fatto decollare un Su-30MKI dalla base di Halwara, secondo quanto riferito dalla  IAF . Mentre l'aereo era in fase di decollo,al traffico aereo era stato chiesto di portarsi ad una quota tra i 25.000 e 30.000 poiché' l'UFO volava a 28.000 piedi.

24 febbraio 2014

UFO RIPRESO A BRASILIA SPARANDO PICCOLE SONDE SULLA CAPITALE


Un lettore del portale http://www.verdademundial.org Sergio Roberto, ha ripreso un oggetto volante non identificato (UFO), a quanto pare l'Ufo ha rilasciando oggetti più piccoli il tutto sulla capitale federale del Brasile, il 01 febbraio 2014.L'autore del video non riusciva a mettere a fuoco, l'oggetto era lontano.Ecco il suo racconto:

"Ero tornato a casa la mattina con mia figlia e ho guardato il cielo che era abbastanza pulito, come nelle riprese, con l'occhio nudo, ho notato un punto luminoso che ha attirato la mia attenzione, così ho preso la mia macchina fotografica con zoom e cavalletto per provare a prendere l'oggetto del mio giardino, ma purtroppo mia figlia di 4 anni mi tirava ho cercato di mettere a fuoco il soggetto, quindi è stato difficile concentrarsi su di esso, l'avvistamento è durato circa 30 minuti, dopo l'oggetto è scomparso dal nulla ..... "


 


23 febbraio 2014

Tra 15 anni un nuovo telescopio ci farà scoprire civiltà aliene

Un docente universitario è convinto di essere in grado di rilevare civiltà aliene grazie a un nuovo telescopio spaziale. Secondo l'Agenzia Spaziale Europea il lancio del telescopio spaziale Plato è previsto per il 2024.


Secondo il Coventry Telegraph, il telescopio potrebbe "avere un campo visivo 20 volte superiore rispetto a quello dell'enorme elescopio spaziale Kepler dell'agenzia spaziale americana." Plato è un nuovo di telescopio spaziale costituito da una serie di telescopi piu' piccoli , piuttosto che da una sola lente o specchio. Plato utilizzera' delle telecamere ad alta risoluzione e avrà il vantaggio di osservare constantemente lo spazio, senza subire l'interruzione provocata dal sorgere del sole o dalla sfocatura causata dall'atmosfera terrestre. Questo permetterà a Plato di scoprire pianeti più piccoli della Terra e dei pianeti che orbitano intorno alla loro stella ad una distanza simile a quella che separa la Terra dal Sole. Finora, solo alcuni piccoli pianeti extrasolari sono stati scoperti a distanze dalla loro stella paragonabili o superiori a quella della Terra.
A differenza delle precedenti missioni, Plato concentrerà la sua attenzione su questi pianeti, che dovrebbero assomigliare ad alcuni pianeti del nostro Sistema Solare.Quindi, piuttosto che essere un unico telescopio, Plato, in realtà, è composto da una serie di trentaquattro telescopi montati su un singolo satellite. Il Professor Don Pollacc dell'Università di Warwick è il coordinatore scientifico per la missione di Platon . Egli afferma:
"Plato consentirà di effettuare una prima indagine sistematica di pianeti vicini che potrebbero fornirci delle indicazioni sulla presenza di forme di vita complesse ." "Plato ci permettera' di rilevare molti pianeti simili alla Terra la cui atmosfera verra' esaminata in modo da individuare eventuali segni di vita ". Pollacc afferma che potrebbero essere rilevate tracce di inquinamento quando si studiano queste atmosfere planetarie, che suggerirebbero la presenza di civiltà aliene. Come riporta il Coventry Telegraph, Pollacc riferisce che:
"Ci sono certe particolari condizioni di cui non ci si aspetta che possano accadere in modo naturale, e l'inquinamento è una di queste. Anche i vari tipi di metalli che non dovrebbero essere presenti in quel tipo di atmosfera potrebbero essere interpretati come un segno di un qualche tipo di civiltà ".
Pollacc ritiene che, grazie agli avanzati strumenti di ricerca di Platon, si potra' rilevare particolari segni di inquinamento nell'atmosfera di un mondo alieno, e, quindi, portare alla scoperta di una civiltà aliena nei prossimi quindici anni.


Crotone – catturato pesce trasparente simile ad un alieno?


Un pesce completamente trasparente e gelatinoso simile a quello pescato il mese scorso in Nuova Zelanda da Stewart Fraser, è stato catturato questa mattina dal Sig. Osvaldo D’ambrosio 47 enne di Crotone, nel mare Ionio, a due miglia dal porto di Crotone, che negli ultimi tempi è salito alla ribalta della cronaca per un servizio delle Iene sul sito inquinato. Il sig. D’ambrosio era in barca con i suoi due figli di 12 e 16 anni per una battuta di pesca amatoriale: “inizialmente ero molto indeciso sul da farsi, non avevo mai visto nulla di simile ed ero anche un po impaurito nel toccarlo. Alla fine la curiosità ha vinto e l’ha preso portandolo a terra. Ho mostrato la strana creatura a degli amici pescatori ma anche questi non sono riusciti a identificarlo. Mi sono rivolto a esperti della Capitaneria di Porto ma mi hanno risposto: Non abbiamo la minima idea di cosa potrebbe essere, ma è sicuramente qualcosa di incredibile che non abbiamo mai visto prima.  Ho iniziato una ricerca su Google e ho scoperto che trattasi dello stesso pesce pescato in Nuova Zelanda”

21 febbraio 2014

Leader islamico a Obama:"apri l'Aera 51 agli scienziati"


Durante l'ultima parte del suo sermone dell'anno, il ministro Louis Farrakhan, leader della Nation of Islam, ha apertamente invitato il presidente Obama a fare chiarezza sulla tanto discussa Area 51, la base (ormai non più) super segreta situata al nord di Las Vegas, nel deserto del Nevada.

"
Presidente Barack Obama, chiama gli scienziati. Apri le porte dell'Area 51 agli scienziati e al mondo, perché tu America sei il leader che il dio Allah ha scelto, a cui ha dato il potere, per mostrarsi al mondo. Se l'america chiamerà gli scienziati, essi risponderanno".
Il leader islamico pensa che sarebbe una buona occasione capire cosa nasconde la base, per far luce sui nostri errori e rimediare al male del mondo.
Farrakhan ha apertamente fatto riferimento al famoso "governo ombra", una coalizione che presumibilmente controlla tutta l'élite globale. Come un numero sempre crescente di persone in tutto il pianeta, il leader islamico crede che questo apparato para-governativo stia nascondendo incredibili verità su esseri provenienti da altri mondi, inclusa la "Mother Wheel" che, stando alle dichiarazioni di Farrakhan, sarebbe una nave spaziale di cui gli americani conoscono l'esistenza dal 1940. "Il governo ombra porterà alla distruzione degli Stati Uniti e del pianeta", cosa che, secondo Farrakhan, si potrebbe evitare rivelando tutto al pubblico.

Governi ombra, alieni, navi spaziali, cospirazioni, basi segrete...sembra un film di fantascienza...però, peccato che la vera fantascienza sia continuare a credere che gli uomini controllano la propria vita, che ognuno di noi ha il libero arbitrio, che se l'economia va male é un evento puramente casuale e che se le banche non vanno mai in crisi é perché evidentemente hanno saputo "farci".


Ufo sul cielo del Belgio il 25 Aprile 2013


Le immagini che vi mostro sono state ripresi da un cellulare di cui si notano due oggetti volanti non identificati.Il video e stato realizzato durante l'eclissi lunare  avvenuta la sera del 25 Aprile 2013 in Belgio.Il testimone ci racconta quando segue: mentre osservavo il cielo..ho notato che ... a pochi metri dal tetto...dell'abitazione dei miei vicini di casa che si trova difronte alla mia abitazione... Stazionavano alcuni Ufo, erano quasi fermi sul posto..., color madreperla, niente rumore,io riuscivo a vederne molto bene soltanto 2...... 1 era poco più' grande di una palla da volley...e l'altro aveva una forma da ciambella ed era più' grande dell'altro ! Poi si stavano spostando ma non riuscivo a riprenderli bene...notavo che con la luce del sole si mimetizzavano. Poi sono spariti..e poco dopo ci siamo goduti lo spettacolo dell'eclissi.Il video e di pessima qualità,le immagini sono state elaborate dal nostro corrispondente dal Belgio.Ricordiamo che in Belgio alle 21:30 c'è ancora luce.





Stanley Romanek, l'uomo che filmava gli alieni arrestato per pedopornografia


Stanley Romanek autoproclamotosi rapito Dagli alieni Nel 2008, E Stato arrestato in Colorado la scorsa Settimana per Possesso di Materiale pedopornografico.  Il 51 enne Personalità ben nota Nella Comunità ufologica e paranormale, E Stato arrestato con l'Accusa di sfruttamento Sessuale di Minori, vieni riporta Il  Reporter-Herald  .  Il Mandato d'Arresto E Stato emesso mercoledì 12 Febbraio e Romanek SI E Consegnato La Mattina seguente . Il rapporto della Polizia Rivela Che l'Arresto E Stato il risultato di un'inchiesta lunga otto Mesi Sulla base di di suggerimenti Forniti Dal Dipartimento della Homeland Security. L'Arresto Segue ONU Mandato di perquisizione dei computer di di Romanek arrivata Nel Mese di aprile 2013. L'Uomo e Stato rilasciato Giovedi do ONU cauzione Di 20.000 $.
Le affermazioni di Romanek sul Suo rapporto con Gli alieni iniziano Nel 2000, la SUA fama lo AVEVA Portato Fino al Larry King Live Nel 2003, il Più ​​importate Programma di approfondimento della CNN. Lisa Romanek moglie di Stanley SI E Detta convinta Che il calcolatore del Marito SIA Al Centro Di Una persecuzione, e Bersaglio di pirateria informatica: un complotto ordito per nascondere la Verità. Romanek era diventato Famoso in Tutto il Mondo per  Nazioni Unite il video rilasciato Durante Una Conferenza Stampa Presso l'Unione degli Studenti di Tivoli all'Auraria campus Nel Centro di Denver Nel Quale SI intravedeva umanoide Nazioni Unite.  Il filmato Che durava tre Minuti, mostrava Una creatura bianca ONU confermare la tipica testa dei grigi di Cinematografica Memoria, il Che scrutava Fuori da Una Finestra situata a 8 metri di altzza. Romanek, AVEVA giustificato la necessitá di filmare la SUA Finestra per l'angoscia Che Il Vicino spiasse le Sue Figlie. L'uomo AVEVA riferito Nel 2008 al Rocky Mountain News: "Il filmato Mostra la testa di ONU Finestra extraterrestre Che Appare Fuori da Una, di notte, e guarda all'interno, E QUESTO E Tutto visibile tramite Una telecamera ad infrarossi" "Nonostante SIA Impressionante, E Assolo Una piccola altera parte Nel contesto di Una Vasta quantita di provare ". Il video fu analizzato e ritenuto Autentico da Una discutibile commissione di Parte e Inserito in DVD delle Nazioni Unite per la Distribuzione grande. Una Quanto pare non erano Gli Unici filmini Che piacevano ONU Romanek. Per lui i guai Sono APPENA cominciati. 

20 febbraio 2014

TUCUMAN (ARGENTINA), ANOMALIA NEL CIELO.


Un breve filmato di circa 42 secondi, girato con un cellulare, ha catalizzato negli ultimi giorni l’attenzione di numerosi appassionati e siti web internazionali dedicati al mistero.
L’evento si è verificato qualche giorno fa a Tucuman, nome già noto a chi si occupa abitualmente di ricerca ufologica.
Le immagini mostrano, in lontananza rispetto al punto di osservazione del testimone, la presenza di una strana luce che si muove lentamente tra gli alberi fino a scomparire, pochi istanti dopo, dietro di essi. Non è chiaro se l’anomalia sia stata notata da altre persone presenti nella zona e non vi sono, almeno per ora, spiegazioni ufficiali sul fenomeno osservato.

Ecco le immagini:


A rischio uno dei dogmi della biologia: possibili forme di vita senza ossigeno


Una piccola spugna potrebbe vacillare Lontano Uno dei dogmi della biologia, quello Secondo cui le forme di vita complessa Hanno cominciato a svilupparsi da solista nel Seguito all'aumento dell'ossigeno sul Pianeta. Lo Studio accolto fra le polemiche, SI DEVE al Gruppo dell'Università del Sud Danimarca Ed. . E Pubblicato Sulla Rivista dell'Accademia delle Scienze degli statisti Uniti (PNAS) Prime forme di vita  - Sin da Pochi Milioni di Anni DOPO la Formazione degli Oceani, Il Nostro Pianeta E Stato popolato da Un gran NUMERO di forme di vita, Tutte Molto diversificata TRA Loro, ma Strettamente Tutte accomunate Dalla 'semplicità':. SI trattava infatti esclusivamente di Organismi unicellulari Solo 600 Milioni di Anni fa, probabilmente Dalla Cooperazione nata in colonie di microrganismi, Sono comparse le prime forme di vita complessa, le stesse da cui SI Sono evolute Tutte le specie Animali Che esistono Oggi. 

Ossigeno Elemento Chiave  -. 'Rivoluzione' Questo sarebbe avvenuta, Secondo dimostrare geologiche, esattamente Nello Stesso Periodo in cui SI E REGISTRATO UN RAPIDO Aumento dell'ossigeno nell'atmosfera Presente Questo osservAzione, unita al Fatto Che Praticamente Tutte le forme di vita complessa necessitano di Ossigeno, ha Fatto ipotizzare Che l'Ossigeno Sia Stato l'Elemento Chiave per la Comparsa dei pluricellulari. Unica nota ECCEZIONE E, ad Oggi, ONU piccolo Gruppo di Animali multicellulari notifica Venire Loricifera. La Loro Scoperta Parla italiano e SI SVI alla Recente Missione di esplorazione sottomarina guidata da Roberto Danovaro, dell'Università Politecnica delle Marche e Nuovo Presidente della Stazione Zoologica Anton Dohrn'''' di Napoli. 

Spugne Che vivono Senza Ossigeno  - Nonostante QUESTO Esempio, il legame TRA vita complessa e Ossigeno sarebbe, Secondo la stragrande Maggioranza dei Ricercatori, Una sorta di dogma evoluzionistico. Analizzando Però la Capacità di Sopravvivenza di alcune spugne anche in Ambienti quasi Completamente Privi di Ossigeno, i Ricercatori Danesi mettono Ora in Dubbio Il Fatto Che la 'Spinta' verso i pluricellulari SIA Stata l'Ossigeno. Secondo i Ricercatori le spugne non avrebbero infatti necessitato di Ambienti Ricchi di Ossigeno e niente ci obbliga a doverne Ricercare nell'ossigeno la '. evolutiva Spinta '  

Conclusioni forzate?  -. ", ha commentato Danovaro"'' Sono Conclusioni francamente Molto forzate Ritengo infatti Che, nonostante la risonanza della Rivista, lo Studio non Fornisca Elementi interessanti per Quello Che riguarda i Meccanismi evolutivi, ma predette predette Indicazioni Sulle Capacità di Resistenza delle Spugne negligenza Ambienti poveri di Ossigeno ".

Fonte: Tiscali Redazione

19 febbraio 2014

Iraq – Neonati CICLOPI a causa delle radiazioni


Un consiglio dal sottoscritto se le immagine pubblicate possono essere di disturbo,uscite dal blog.




Il Ministero della salute dell’Iraq che sta  indagando sul grave aumento nel paese di casi di malformazioni congenite (caratterizzati da un’anomalia della forma o della struttura di una parte del corpo presenti nel nascituro fin dal momento in cui gli spermatozoi paterni e l’ovulo materno si uniscono formando la prima cellula) e cancro.Questo tipo di malformazioni si sta presentando in percentuali davvero preoccupanti sia in umani che animali.


Il dossier, che ha come oggetto di studio circa 10.800 famiglie irachene e i loro animali domestici, esamina il rapporto esistente tra l’aumento delle malformazioni congenite correlate alla “Sindrome Ciclopica” e l’impiego di munizioni contenenti urano impoverito utilizzate nel corso della guerra e dell’occupazione Usa in Iraq tra il 2003 e il 2011. L’uranio impoverito viene introdotto nelle munizioni per il suo potere nel perforare le mura e veicoli blindati, ma i proiettili al contatto si polverizzano generando un pulviscolo che, se inalato, penetra e si fissa nei polmoni. E’ noto che l’esposizione a materiale radioattivo è un fattore scatenante di cancro, alterazioni nella riproduzione (provoca sterilità o aborti) e malformazioni congenite. Al momento non è ancora chiaro il perché in questa zona geografica, la cosa si ripercuota proprio generando nascituri con questa malattia, ma è sicuramente relazionabile alle particolare condizioni climatiche, igieniche e longitudinali. A rilasciare tali informazioni durante una recente intervista all'agenzia Tierramerica, è Syed Jaffar Hussain, capo della missione dell’Oms in Iraq il quale ha aggiunto che per stabilire le relazioni di causa tra l’esposizione all'uranio impoverito e l’aumento di alcune malattie tra la popolazione umana e animale irachena sono necessarie indagini a carico di entità competenti.

Quali siano queste entità competenti non è dato saperlo.

ATTENZIONE: ALCUNE IMMAGINI QUI DI SEGUITO POTREBBERO URTARE LA TUA SENSIBILITÀ’, SE SEI CONSAPEVOLE DI CIO’ VAI AVANTI


Fonte: http://thewe.cc/weplanet/news/depleted_uranium_iraq_afghanistan_balkans.html

EX ASTRONAUTA INGLESE: NELLO SPAZIO DEVE ESSERCI VITA.

                                                                    Helen Sharman, prima della PARTENZA per la Missione


Si Chiama Helen Sharman Ed. E Stata l'unica donna Britannica annuncio Andare Nello spazio. Ci Andò Nel 1991 DOPO Essere Stata Scelta, TRA 13 mila aspiranti Astronauti, Dai Responsabili del Programma Juno ONU consorzio Privato Creato per raccogliere Fondi e pagare All'Unione Sovietica Un Posto Nel Programma Soyuz e recarsi Silla MIR.Sharman vi Partecipo also Perché non erano richiesti PARTICOLARI Competenze scientifiche e DOPO Aver superato le SELEZIONI parti il 18 maggio 1991 a bordo della Soyuz TM-12 per Restare circa 8 Giorni Nella stazione spaziale Sovietica e poi Tornare a casa.
Oggi Helen Sharman (50 anni), Docente di Ingegneria informatica Ed. Presso la Kingston University di Londra, E convinta della Reale possibilità Che ci Sia vita Nello spazio. Lo ha dichiarato infatti Pochi Giorni fa, Durante Una breve intervista sul Suo Passato di astronauta Nella Quale, TRA L'Altro, Gli ì Stato chiesto se Fosse Realmente convinta della Possibile Presenza di vita Nel cosmo. E lei, premettendo di non Aver Visto nulla di anomalo Durante la SUA breve Permanenza Silla MIR, ha Semplicemente Riposto: "ci DEVE Essere".

18 febbraio 2014

La NSA divulga messaggi di origine Aliena.


La NSA divulga sul proprio sito delle Notizie che sembrerebbero confermare  che non siamo soli nell'Universo. Inoltre viene confermato il che Sono Stato percepite 31 Messaggi di origine extraterrestre.Non SI specifica se i Messaggi Ricevuti Sono DIRETTI al Pianeta Terra o Una forma di Comunicazione Tra di "Loro" Non dimentichiamo Che il Governo Americano a Sempre dichiarato  Che non ci Sono prove Che testimoniano la Presenza extraterrestre! Ma ...........

ALLA SCOPERTA DI CRUITHNE, LA SECONDA LUNA DELLA TERRA… (MEZZA LUNA!)

3753 Cruithne a volte è descritto come la "seconda Luna" della Terra, benché questo sia tecnicamente non corretto: la sua orbita possiede proprietà inusuali quando è vista in relazione a quella terrestre; non si tratta di un vero satellite del nostro pianeta, viene invece considerato un quasi-satellite.

Ha un nome di origine celtica: Cruithne. Secondo alcune leggende irlandesi, i Cruithne sono stati primi abitanti celtici semi-mitici delle isole britanniche durante l’età del Ferro. Gli storici pensano che emigrarono dal continente europeo verso la Britannia fra l’800 e il 500 a.C. circa. Cruithne è un asteroide del diametro di circa 5 km che, quando lo si osserva da un punto sopra il polo nord della Terra, sembra percorrere una complicata orbita che assomiglia a un ferro di cavallo, molto più complicata del semplice movimento di un satellite. Il piccolo corpo celeste fu scoperto il 10 ottobre 1986 da J. Duncan Waldron al Siding Spring Observatory di Coonabarabran, Australia. In realtà, Cruithne fu individuato già nel 1983 da Giovanni de Sanctis e Richard M. West dell’European Southern Observatory in Cile, che non riuscirono però a osservarlo abbastanza a lungo per determinarne l’orbita con precisione. L’orbita dell’asteroide fu determinata con precisione solo nel 1997 grazie allo studio di Paul Wiegert e Kimmo Innanen, astronomi della York University in Canada, e Seppo Mikkola dell’Università di Turku in Finlandia; le loro scoperte furono pubblicate il 12 giugno sulla rivista scientifica Nature. Data la sua curiosa orbita, ad un certo punto si è pensato che Cruithne potesse avere un’origine artificiale ed essere uno dei rifiuti spaziali lasciati dal Programma Apollo. L’orbita del pianetino, infatti, non descrive una forma ellittica o circolare tipiche per il nostro Sistema Solare, ma d’altra parte, niente di quanto associato a Cruithne è ‘tipico’! Quando raggiunge punti particolari della sua orbita, Cruithne inverte improvvisamente il suo moto, dando l’impressione di ballare avanti e indietro. La maggior parte degli asteroidi conosciuti sono in orbita attorno al Sole. Alcuni sono più vicini alla nostra stella, altri più lontani. Cruithne descrive la sua orbita molto vicino alla Terra e benché ne condivida l’orbita attorno al sole, esso non ruota attorno al nostro pianeta.

Cruithne ruota intorno al Sole lungo una classica orbita kepleriana, talmente eccentrica e inclinata da attraversare sia quella terrestre che quella di Venere, spingendosi oltre la traiettoria di Marte e sfiorando all’interno quella di Mercurio. Poiché la distanza di Cruithne dal Sole e la sua velocità orbitale variano di molto durante il periodo di rivoluzione, dal punto di vista terrestre non vedremo mai Cruithne ruotare intorno alla nostra stella, ma piuttosto lo vedremo seguire una strana traiettoria a forma di fagiolo. Per compiere un ciclo completo e tornare alla medesima posizione, Cruithne impiega circa 770 anni. Il percorso dell’orbita a ferro di cavallo dell’asteroide non è lineare ma traccia una sorta di piccola spirale, condividendo l’orbita con la Terra. Tuttavia, nonostante la distanza ravvicinata, una collisione con la Terra non è possibile. Il massimo avvicinamento di Cruithne alla terra è pari a circa 15 milioni di chilometri, quaranta volte la distanza della Luna. Come è stato compreso recentemente, l’attuale traiettoria di Cruithne è decisamente dominata dalla gravità terrestre, e questa influenza influenzerà il suo moto per i prossimi 5 mila anni. Cosa succederà dopo? Certamente non si tratta di un equilibrio che durerà per sempre. Secondo alcune simulazioni effettuate al computer, Cruithne, in un giorno futuro, potrà sfuggire dalla gravità terrestre. Dopo di che, sarà anche possibile che comici a muoversi in una vera orbita attorno alla Terra per un certo tempo, fino a diventare un secondo satellite del nostro pianeta, ma non per molto tempo. Le stime degli astronomi indicano che dopo 3 mila anni in orbita intorno alla Terra, questo strano corpo celeste possa sfuggire e conquistarsi un orbita intorno al sole.

Oggetto luminoso su Roma.



Misterioso oggetto luminoso nei cieli di Roma 17/02/2014: alle ore 18:56 la nostra webcam ha immortalato un oggetto luminoso ad ovest di San Pietro. Segnalazioni ulteriori ci sono giunte dai nostri utenti. La forma sferica non lascia intendere fosse un aeroplano. Stiamo facendo approfondimenti per verificare il possibile passaggio di un bolide luminoso o meteorite anche se al momento non vi sono segnalazioni in merito. Vi lasciamo agli scatti dell’oggetto ripresi dalla webcam in cui si evince chiaramente il prima ed il dopo il passaggio dell’oggetto.

16 febbraio 2014

Incontro con gli alieni a fumetto.

http://siciliauforesearch.blogspot.it/2013/12/lincontro-con-gli-alieni-fumetto.html troverete la prima parte del fumetto dal titolo:incontro con gli alieni a fumetto.Ecco la seconda e ultima parte.






Fonte:Focus

Filmate sfere di luce a Roma.

Mostriamo in anteprima delle foto realizzate dalla ricercatrice Iwona Szymanska. In sintesi ecco il suo racconto:

Ho avvistate  e filmate una flotta di sfere bianche oggi 15 Febbraio alle ore 10.10 dalla finestra di casa.A notarle per prima e' stata mia figlia.Le sfere stazionavano muovendosi lentamente di fronte alla mia finestra della cucina.Secondo il racconto di mia figlia erano molto vicine.Apparivano e sparivano.Sono riuscita a filmarle per un'po mentre si allontanavano velocemente.Erano tantissime. 


Perché non lo sapesse l'amica Iwona e stata invitata l'estate scorsa dal sottoscritto per un Sky Match  avvenuto sull'Etna. Tra gli altri ospite anche Fabrizio Molly da Roma.Durante la serata sull'Etna   sono state viste delle strane luci alcune filmate da Fabrizio.Tra breve metteremo il filmato di Iwona!


Fonte: www.facebook.com/iwona.szymanska3

15 febbraio 2014

Una anno della vita terrestre del meteorite di Chelyabinsk


In Russia oggi ricordano il meteorite di Chelyabinsk. Il 15 febbraio, nell'anniversario della sua caduta, ai campioni olimpionici a Sochi saranno consegnate le medaglie con le schegge del bolide spaziale. Un anno della vita terrestre del bolide è celebrato negli Urali. Proprio laggiù, sopra la città di Chelyabinsk, esattamente un anno fa è esploso il meteorite.

Le schegge si sono sparse a centinaia di chilometri di distanza nei dintorni. Il frammento più grande è caduto nell'acqua del lago Chebarkul. Gli abitanti di Chelyabinsk tuttora non possono dimenticare fredda e assolata mattinata del 15 febbraio del 2013. L'improvviso fragore e la luce intensa hanno letteralmente stordito e accecato allora gli abitanti della città. E il servizio della telefonia mobile interrotto ha fatto quasi pensare la gente allo scoppio di una guerra nucleare, ha confessato Liudmila, un'abitante di Chelyabinsk, in un'intervista concessa a un corrispondente della società radiofonica La Voce della Russia: Improvvisamente ho visto un bagliore. Ho pensato che fosse scoppiata la guerra. La nube si allargava sempre di più e ho avuto molta paura. Più tardi la radio ha comunicato che un aereo fosse scoppiato sopra Chelyabinsk e soltanto dopo abbiamo saputo della caduta di un meteorite. Gli esperti hanno affermato che gli abitanti di Celyabisk e delle zone periferiche allora sono stati molto fortunati. Il meteorite è entrato nell'atmosfera della Terra sotto angolo piatto. Se l'angolo della sua caduta fosse stato diverso, allora il suo corpo dal peso di oltre 11000 tonnellate alla velocità di circa 19 chilometri al secondo avrebbe potuto radere la città dalla faccia del pianeta. La potenza dell'esplosione equivaleva a 300 chilo tonnellate del tritolo. Ciò supera di circa 20 volte la potenza della bomba esplosa sopra Hiroshima. In seguito all'esplosione sono state ferite circa duemila persone, in molti edifici sono stati frantumati i vetri. Quasi subito è stato accertato che un grande frammento dell'ospite spaziale inatteso è caduto nel lago nei pressi della cittadina di Chebarkul. Qualche mese dopo l'Università statale di Chelyabinsk insieme con il Ministero per la sicurezza radioattiva ed ecologica della città hanno indetto una gara d'appalto per il recupero del corpo celeste. La gara d'appalto è stata vinta dalla società di Ekaterinburgo "Aleut - servizi di lavori speciali". Sin dall'inizio i professionisti sono stati perseguitati da una sfortuna dopo l'altra: le temperature si abbassavano repentinamente, il tempo peggiorava, sul lago imperversava la burrasca, si guastavano i macchinari. I palombari hanno ipotizzato l'intervento dell'intelligenza extraterrestre. Maxim Scipulin, direttore tecnico della società, presente sul luogo del recupero, ha raccontato al corrispondente de La Voce della Russia quanto segue:
C'è stata una serie di giornate quando noi non potevamo trovare alcunchè e non abbiamo visto il meteorite. Noi abbiamo deciso che sapropel, ossia lo spesso strato dei fanghi limacciosi, stesse nascondendo alla nostra vista il corpo celeste. Se, ad esempio, nel meteorite c'era una particella intelligente, allora si è trasferita in ciò che lo circondava da sei mesi. Ossia nel sapropel che si è caricato con questa energia intelligente e non vuole rilasciare il meteorite.
Soltanto dopo un mese di immersioni quotidiane e lavori sul fondale durate molte ore si è riusciti a portare in superficie il mostro celeste. Un pezzo dal peso di oltre 650 chili è stato trovato alla profondità di oltre 20 metri sotto uno spesso strato di limo quasi per puro caso, quando è stata già quasi persa la speranza di trovarlo. Il corpo è stato quasi subito inviato per una perizia a Chelyabinsk. E' stata confermata la sua origine extraterrestre e che è composto di consueto chondrite, ossia un meteorite di pietra. Poi il bolide è stato messo a disposizione non solo di scienziati, ma anche di un vasto pubblico - è stato esposto nel museo di Chelyabinsk. A dire il vero con tale decisione non erano d'accordo i seguaci della neocostituita Chiesa del meteorite di Chelyabinsk. Hanno chiesto agli scienziati e alle autorità cittadine di consegnare a loro questo corpo spaziale. E' un messaggio divino che non può essere ignorato, ha affermato il capo della nuova "chiesa" Andrei Breiva. Per analogia con la storia biblica noi chiamiamo questo pacchetto le "tavole delle leggi". Proprio tale pacchetto d'informazioni una volta ricevuto da Mosé. E anche lì non solo sulla pietra sono stati incisi alcuni determinati simboli, ma c'era un apposito messaggio per gli uomini, con il quale ha lavorato Mosé. Il mondo contemporaneo ha cambiato molto e richiede trasformazioni. Quelle conoscenze spirituali che c'erano finora, si sono già esaurite. Vi ci saranno sia nuove conoscenze scientifiche sia il codice di regole morali-legislative, che permetteranno alla gente di vivere meglio. La cosa principale è che d'ora in poi le conoscenze spirituali e scientifiche diventeranno l'insieme unificato. Nonostante le principali passioni riguardanti il meteorite si fossero già placate, un anno dalla sua caduta è stata celebrata sulla Terra a Chelyabinsk e a Chebarkul con una serie di mostre ed esposizioni. Non si è dimenticati del bolide celeste nemmeno gli scienziati. Studiando dettagliatamente l'alieno spaziale, hanno già decifrato alcuni misteri dell'Universo e nel futuro potranno fare pronostici al riguardo degli alieni inattesi dallo spazio, ma, probabilmente, capiranno di come evitare scontro catastrofico con essi.

Misteriosa cascata rossa in Antartide


Un blocco di ghiaccio enorme con una "ferita" nel mezzo e un fiume di "sangue" che scorre nel centro... Anche se probabilmente si tratta di semplice ossidazione di acqua stagnante da secoli, l'immagine che hanno osservato dei ricercatori nei pressi di un ghiacciaio in Antartide, è sicuramente molto particolare. Il ghiacciaio in questione si chiama Taylor e fu scoperto nel 1911 dalla spedizione di Robert Falcon Scott. Inizialmente si pensava che si trattasse di alghe, in seguito questo fenomeno è stato attribuito ad una pozza d'acqua salata sotterranea che probabilmente è stata bloccata sotto terra per alcuni milioni di anni in una zona isolata dall'atmosfera e senza ossigeno a 1300 metri di profondità. In tempi recenti l'acqua è fuoriuscita da una fenditura ed essendo ricchissima di ferro a contatto con l'ossigeno ha subito una immediata ossidazione diventando color "ruggine" .Un ricercatore ha aggiunto che la cosa più interessante è che nonostante il lago sotterraneo fosse privo di ossigeno e almeno 3 volte più salato del mare riesce comunque a sostenere una forma di vita ...batterica.

14 febbraio 2014

Fisici in cerca di viaggiatori temporali.


Due scienziati - un astrofisico Robert Nemiroff e Teresa Wilson dalla Michigan Technological University hanno recentemente iniziato uno studio per verificare la presenza in Internet di viaggiatori del tempo nei social media.
Secondo Nemiroff, queste persone dal futuro potrebbero aver lasciato una scia su siti come Facebook o Twitter, come ad esempio una menzione di un evento che deve ancora verificarsi.
Per testare l'idea di cercare viaggiatori del tempo, Nemiroff  ha focalizzato l'attenzione  su due soggetti, Cometa ISON e Papa Francesco. L'obiettivo era quello di trovare riferimenti su questi 2 eventi anteriori al loro verificarsi.  Purtroppo per loro la ricerca durata mesi è stata vana .....Ma questo non significa che i viaggi nel tempo non siano possibili, a quanto pare: 'Potrebbe essere fisicamente impossibile per noi trovare informazioni perchè si violerebbe una legge ancora sconosciuta della fisica,' Nemiroff e Wilson hanno scritto nello studio pubblicato nel mese di dicembre.
'Viaggiatori del tempo potrebbero non voler essere trovati, e possono essere bravi a coprire le loro tracce.' .....




13 febbraio 2014

Un ufo nei cieli savonesi, inseguito da due F-15 Eagle in direzione Corsica?", segnalazioni e foto dei lettori

In molti ieri pomeriggio hanno visto lo strano oggetto luminoso e sentito il rumore dei mezzi: foto
Le foto dello strano oggetto luminoso

"Un ufo nei cieli tra Finale e Savona, inseguito da due f-15 Eagle in direzione Corsica?".
E' quello che si stanno chiedendo molti lettori, dopo che ieri pomeriggio, nei cieli savonesi, sono stati avvistati quelli che sembrerebbero essere due caccia militari. In tantissimi infatti hanno segnalato i rombanti motori dei mezzi aerei, intorno alle 17, che inseguivano, come si vede dalla segnalazione e foto del lettore, uno strano oggetto luminoso. Il problema è che non si è capito se si è trattasse di una semplice esercitazione o ci fosse qualcos'altro. Dalle foto scattate dal nostro lettore ieri si vede infatti stagliarsi nel cielo terso un circonferenza luminosa: che gli alieni siano dunque tra noi?
A seguito della segnalazione il Centro Ufologico Mediterraneo si è attivato per verificare l'attendibilità della notizia e tutti gli sviluppi delle indagini saranno rese tempestivamente pubblici. Oggi Angelo Maggioni, socio inquirente di Savona, indagherà, su delega del Presidente Angelo Carannante, sulla vicenda. Il Centro sta cercando di acquisire immagini dell'avvistamento e contattare eventuali testimoni. Qualora aveste segnalazioni potete contattare centroufologicomediterraneo(at)gmail.com oppure 320-4659798.

Himalaya: Lago glaciale si scioglie e porta alla luce qualcosa di Terrificante

 In uno scenario da incubo, un lago glaciale rimasto nascosto per secoli ha portato alla luce un segreto spaventoso ed alquanto singolare. Il lago si chiama Roopkund e si trova a 5.029 metri di altitudine, in Uttarakhand, uno stato dell’India. Quando il ghiaccio si è sciolto sono venuti a galla centinaia di scheletri umani. Il lago fu inizialmente scoperto nel 1942, ma c’erano segnalazioni riguardo alla presenza di ossa già dal XIX°secolo. Inizialmente si pensava che potessero essere i resti di soldati giapponesi che si erano infiltrati nell’area e sono morti per il clima troppo duro.
Dato che si stava combattendo la seconda guerra mondiale, i britannici mandarono subito una spedizione ad investigare per determinare se c’era qualche movimento strategico del nemico. Tuttavia, quello che hanno riportato era inspiegabile. I resti non erano di soldati giapponesi ed erano estremamente antichi. Alcuni esploratori e studiosi britannici tornarono poi a Roopkund e suggerirono che le ossa fossero del Generale Zorawar Singh, del Kashmir, che si dice abbia perso la vita insieme al suo esercito al ritorno dalla Battaglia del Tibet, nel 1841. Negli anni ’60 però, furono effettuate le prime datazioni al carbonio e si scopri che gli scheletri erano molto più antichi e potevano risalire ad un periodo tra il XII°secolo ed il XV°secolo. Questa nuova ipotesi portò molti storici a ipotizzare che i corpi furono quelli dell’esercito di Mohammad Tughlak, che perì dopo l’attacco fallito sul Garhwal Himalaya. Le ipotesi su quanto e’ accaduto sono davvero molte, si ipotizza che si poteva trattare di vittime di un’epidemia sconosciuta, mentre alcuni antropologi pensavano ad un suicidio rituale di massa, morti per congelamento, oppure un’esecuzione di massa.
Fu solo nel 2004 che un team di scienziati di Europa ed India organizzò una nuova spedizione finanziata dal National Geographic e vennero a capo dell’orribile segreto nascosto da questo lago. I test del DNA effettuati su alcuni resti hanno identificato due gruppi dalle caratteristiche fisiche molto distinte. Uno era formato da persone di bassa statura, mentre il secondo di statura significativamente più alta. Il periodo invece risaliva a molti secoli prima, aggirandosi intorno all’850 d.c. Le fratture sul retro dei crani indicano che sono tutti morti con un colpo fatale alla nuca, ma che non fu colpa di una malattia quanto un’esecuzione sommaria od una valanga, quanto accadde e’ imputabile piuttosto ad oggetti dal margine rotondo. L’assenza di ferite in altre parti del corpo significa che il colpo è arrivato dall’alto. L’unica spiegazione proposta fu quella di oggetti caduti dall’alto, quindi forse una potente grandinata. Non ci sono prove storiche di una rotta commerciale in questa zona, ma il Lago di Roopkund si trova sulla strada tracciata da un importante pellegrinaggio del culto Nanda Devi, le cui festività ricorrono ogni 12 anni. Il gruppo consiste di 5/600 corpi e probabilmente erano pellegrini. Forse stavano scendendo verso il lago per rifornirsi di acqua fresca quando sono stati colpiti da una tempesta. Senza modo di ripararsi in mezzo agli Himalaya, molti potrebbero essere morti sul colpo. Le acque glaciali hanno poi preservato i loro corpi per secoli. Alcuni avevano ancora capelli intatti e pezzi di vestiti.E’ possibile che alcuni siano però riusciti a sopravvivere e tornare a casa raccontando l’accaduto. Quest’ipotesi è legata ad una leggenda folkloristica della zona: in una canzone tradizionale le donne descrivono una dea furiosa con degli estranei che hanno sfidato la sua montagna sacra e su cui essa ha fatto piovere morte sotto forma di grandine dura come il ferro.

Fonte:[http://www.link2universe.net - http://www.roopkund.com/photo-gallery]

Archivio